Culture

Ecco gli altri numeri della mostra di Sgarbi

Dopo l'anticipazione pubblicata da La Voce lunedì, oggi dal Comune sono stati diffusi i dati di dettaglio sui visitatori dell'esposizione appena chiusa al Castello

Arrivano anche i dettagli  per il bilancio conclusivo della mostra “Dal Rinascimento al Neoclassico – le stanze segrete di Vittorio Sgarbi” che è stata ospitata al castello visconteo sforzesco dal 21 settembre con una proroga fino al 22 gennaio in occasione della festività di San Gaudenzio.

Come La Voce anticipato nella giornata di lunedì 22, dunque, i visitatori sono stati complessivamente 22.068. Gli ingressi interi (biglietti a 10 euro, compresa l’audioguida) assommano a 6.903, quelli ridotti (biglietto a 7 euro) 6.352, quelli omaggio 1.147. Gli ingressi delle scuole sono stati 2.205, quelli dei gruppi 1.704 e gli ingressi “coppia” del periodo natalizio 1.512.

I gruppi sono stati in tutto 155 dei quali circa 80 formati da alunni delle scuole, con una massiccia presenza degli iscritti all’Istituto “Fauser” e 75 da adulti. A questi numeri vanno sommate anche alcune classi che non hanno effettuato prenotazione tramite l’Atl e che si sono direttamente presentate alla mostra e anche alcuni gruppi organizzati da associazioni come la Società storica piemontese che hanno proceduto in modo analogo. Ci sono inoltre sedici gruppi formati con prenotazione individuale tramite l’Atl per le giornate di sabato e domenica.

Il costo del “pacchetto mostra” – si legge nella nota diffusa oggi dall’Ufficio Stampa del Comune di Novara – è stato di 207.000 euro coperti da sponsorizzazioni e contributi di fondazioni bancarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.