Culture

Il Circolo dei Lettori allarga i propri orizzonti

Firmato un accordo di collaborazione con l'Università del Piemonte Orientale. Intanto il sindaco dichiara: «Il Circolo ha bisogno di spazi più grandi»

«Al Circolo dei Lettori servono spazi più grandi». Lo ha detto questa sera il sindaco, Alessandro Canelli, in occasione dell’accordo di collaborazione tra il Circolo, appunto, e l’Università del Piemonte Orientale. «Stiamo raccogliendo quello che abbiamo seminato – ha dichiarato Paola Turchelli, direttore del Circolo di Novara – il punto d’incontro più importante è senz’altro quello con l’università: l’idea è quella di lanciare messaggi nuovi di cultura e formazione per aprire il Circolo a una fascia d’età, quella dei giovani, che facciamo fatica a coinvolgere».

Il rettore, Cesare Emmanuel, ha ricordato che «era nostra intenzione diventare un ente diffuso sul territorio che entrava in tutte le istituzioni che come noi avevamo una missione di carattere sociale. In questi anni abbiamo lavorato parecchio in questa direzione e ora, anche noi, stiamo raccogliendo i nostri frutti».

La firma è stata siglata dal rettore e dal presidente del Circolo dei Lettori, Luca Beatrice: «Insegno in Accademia da tantissimi anni e penso che il tema della formazione anticipi la questione della cultura. La scuola in un Paese civile è davvero fondamentale: tra le mille iniziative che si possono fare ritengo che l’insegnamento rappresenti un argomento centrale. L’accordo con l’università rappresenta un enorme passo avanti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,