Culture Fatti & persone
«24 passi

«24 passi: un’antologia che vuole essere un inno alla vita»

Un'iniziativa editoriale che sta prendendo forma a Novara, ideata dall'associazione StayAleeve, per sensibilizzare sul tema del suicidi giovanili. Curatore è Marco Paracchini, raccoglie i racconti di 22 scrittori, fra cui Paolo Fittipaldi, già autore della nota sit com Camera Cafè e di “Vorrei un tatuaggio color carne”. Per sostenerla c'è anche un crowdfounding

«24 passi: un’antologia che vuole essere un inno alla vita». Per ogni passo un racconto. È un progetto editoriale che sta prendendo forma a Novara, ma che riunisce sotto un unico tetto giovani scrittori conosciuti e altri emergenti provenienti da tutta Italia. Fra loro c’è, ad esempio, il sanremese Paolo Fittipaldi, già autore della nota sit com Camera Cafè e di “Vorrei un tatuaggio color carne” (Mondadori). L’antologia, che sarà pubblicata da Undici edizioni, vedrà la luce la primavera prossima anche grazie a un’operazione di crowdfounding, tuttora in corso.
Ideatrice e fautrice del progetto, che vede come curatore editoriale il regista e storyteller Marco Paracchini, è l’associazione StayAleeve, la quale ha come mission principale la sensibilizzazione sul delicato tema del suicidio giovanile.

L’associazione StayAleeve
«24 passi“La nostra associazione è nata poco più di un anno fa, in seguito a un’esperienza di autogestione a scuola, durante la quale avevamo affrontato il tema dei suicidi, su cui entrambi abbiamo avuto esperienza – spiegano i fondatori Alessandro Buffelli e Vittoria Avogadro – L’aula era piena e il dibattito aveva avuto un riscontro pazzesco: sono stati i compagni che avevano partecipato a dirci che dovevamo fare qualcosa di concreto. Da lì ci siamo convinti ad attivarci. Oggi siamo in tutto sette volontari, tutti formati in modo specifico. Andiamo soprattutto nelle scuole superiori per confrontarci con i ragazzi, sempre attraverso la forma della peer education e del dibattito”. L’associazione, che si rivolge soprattutto a un pubblico giovane, è presente anche su Facebook e su Instagram.

Storie per tutti i gusti per parlare ai giovani
«24 passi“Ho accettato molto volentieri di collaborare con StayAleeve – spiega Paracchini – perché ammiro l’attività di questi ragazzi. Il loro obiettivo era quello di creare un progetto con mezzi originali, che potesse essere un veicolo culturale adatto ai giovani. E così abbiamo pensato all’antologia, per far passare un messaggio positivo di attaccamento alla vita. Al progetto hanno aderito 22 autori, i cui racconti sono ambientati in diverse città d’Italia e d’oltreconfine e spaziano dal poliziesco al drammatico, al sentimentale, sino alla fantascienza. Il bello è che tutti hanno accettato di collaborare gratuitamente. Una volta andato in stampa sarà divulgato a livello nazionale e il libro andrà soprattutto nelle scuole”.

 

Fra gli autori troviamo, oltre a Fittipaldi e allo stesso Paracchini, anche il novarese Michele Frisia già autore di altri racconti, Ferdinando Pastori con all’attivo altri 3 libri e l’autore di racconti horror Lapo Ferrarese, il traduttore di manga Massimo Soumaré, il regista novarese Roberto Pezzolato, Irene Spagnuolo, Valeria Di Tano, Letizia Turrà, Isabella Roattino, Marco Miglietta, Matteo Severgnini, Antonella Mollia, Alessandro Ricci, Carla Greco, Luca Angioli, Erica Tassone, Valerio Moggia, Roberto Gallaurese, Riccardo Iannaccone e Giulia Frigerio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,