Cronaca Taccuino del cronista

Vendeva on line oggetti che non possedeva: 150 vittime

Si tratta di un 50enne di Vercelli, intercettato dalla squadra mobile dopo la denuncia di un novarese che era stato truffato

Vendeva on line oggetti di nicchia che non possedeva, riuscendo a incassare dai 100 ai 300 euro al giorno. Secondo gli investigatori avrebbe mietuto più di 150 vittime. Tra queste c’è anche un novarese, che ha sporto denuncia alla squadra mobile, che lo ha intercettato e denunciato. Si tratta di I.L., 50enne di Vercelli, che si trova già in carcere per una precedente condanna.

Secondo gli inquirenti aveva “un consolidato sistema che gli permetteva di incassare molto denaro: inseriva un falso annuncio su noti portali di vendite online (sempre per accessori e apparecchiature di nicchia), proponendo un prezzo decisamente allettante. Quando veniva contattato da un potenziale acquirente, trattava il prezzo e si faceva inviare un bonifico o un vaglia postale, ovviamente senza spedire la merce e svanendo nel nulla”. Il 50enne è già stato denunciato per almeno altri 150 episodi analoghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.