Cronaca In città

Un piano di intervento contro la variante australiana

L'epidenia influenzale potrebbe essere la peggiore degli ultimi dieci anni e l'ospedale di Novara lancia un appello ai cittadini

Variante australiana.  Così si chiama quest’anno l’epidemia di influenza, quella che secondo gli esperti è la peggiore degli ultimi dieci anni e che prevede un picco nel periodo delle festività natalizie.  Per questo motivo l’ospedale di Novara lancia un appello alla popolazione: prevenire l’attacco attraverso la prevenzione, ovvero vaccinandosi. E in questo modo si aiuta anche l’ospedale evitando quei sovraffollamenti, in particolare al pronto soccorso, che potrebbero determinare disagi e difficoltà.

In ogni caso, prima di rivolgersi all’ospedale, vanno adottate misure di buon senso: non stringere le mani di altri dopo aver starnutito, lavarsi con cura le mani, mettersi a letto ai primi sintomi, non trascurare il periodo di convalescenza.

Il piano anti-influenza dell’Aou prende in considerazione un periodo che va da oggi, 15 novembre, al 15 marzo e tocca due aspetti fondamentali: il sovraffollamento e la possibile carenza di posti letto. Nel primo caso, è previsto un incremento di medici, infermieri, box per i pazienti, barelle, carrozzine. E’ stato cioè pensato un sistema flessibile per garantire al bisogno un’aumentata capacità del Dea ad accogliere e trattare un numero straordinario di pazienti.

La pianificazione per garantire la sufficiente disponibilità di posti letto ha invece portato all’ampliamento della disponibilità nelle sedi ospedaliere, ma anche la collaborazione con altre strutture esterne per il trasferimento dei pazienti che hanno risolto la fase acuta, liberando posti per l’eventuale epidemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,