Cronaca In città

Strisce blu al posto dei parcheggi dei residenti: Franzoni (indirettamente) conferma

L'assessore ha risposto questa mattina in consiglio comunale ad una interrogazione del Partito Democratico: «Ordiniamo e regolamentiamo laddove ora c'è disordine e deregolamentazione»

Nel centro storico è in arrivo una nuova “ondata” di parcheggi a pagamento. Andranno a sostituire gli stalli attualmente riservati ai residenti, contrassegnati con il colore giallo e le sigle R1, R2 ecc. ( a seconda delle diverse aree). La conferma è venuta questa mattina dall’assessore alla mobilità Elisabetta Franzoni, che ha risposto ad una interrogazione in merito presentata dal Partito Democratico.

L’interrogazione – primo firmatario il capogruppo del Pd Andrea Ballarè – formulava diverse domande in ordine all’attuazione del piano della mobilità. Sul tema dei nuovi ipotizzati parcheggi a pagamento, il documento dei Dem chiedeva in particolare di sapere «se risponde al vero la notizia secondo la quale i parcheggi gialli oggi riservati ai residenti siti in pieno centro storico saranno trasformati in parcheggi blu a pagamento, al fine di compensare i minori introiti per la soppressione di stalli blu in altre aree; nel caso di risposta affermativa – chiedevano ancora i consiglieri del Pd – come l’amministrazione ha valutato l’impatto sull’incremento di viabilitànelle strade del centro storico, sull’innalzamento dei livelli di inquinamento acustico e ambientale, sui conflitti con la mobilità pedonale e ciclabile, sui maggiori oneri di manutenzione delle pavimentazioni, in alcune vie già attualmente in pessimo stato».

 

L’assessore Franzoni, nella sua riposta – per così dire – l’ha presa larga, ma ha sostanzialmente confermato la notizia. «Nel piano Musa – citiamo dal testo scritto consegnato agli interroganti – ci sono alcuni stalli che avrebbero dovuto essere ceduti al gestore attuativo ma che non sono mai stati concessi. (…) Tale mancata concessione ha causato di fatto l’allargamento della zona non regolamentata. Le scelte che l’attuale amministrazione dovrà adottare, pertanto, sono in gran parte fondate sulla necessità sia di colmare delle lacune, sia di ordinare e regolamentare laddove ora c’è disordine e deregolamentazione». E dettagiando ancora meglio nella risposta alla seconda domanda, l’assessore aggiunge «Sono stati attentamente valutati i dati in mostro possesso e non vi sono rischi di incremento  della viabilità nel centro storico né di innalzamento del livello di inquinamento acustico e ambientale; si prevede al contrario un effetto positivo quale la regolamentazione e la sistemazione di zone ZTL utilizzate da sempre di fatto come parcheggio ma ad oggi deregolamentate».

Quindi, sembra proprio che  l’amministrazione si stia preparando a trasformare stalli in uso gratuito ai residenti in spazi a pagamento.

Qualcosa di molto diverso da quanto era previsto nel Piano Particolareggiato del traffico e della sosta nell’area centrale, che prevedeva una riduzione dei parcheggi gialli R per liberare le vie dalle auto e migliorare la pedonalità e la ciclabilità. Una operazione possibile in quanto tutti i residenti del centro storico sprovvisti di box hanno la possibilità di parcheggiate gratuitamente negli stalli blu adiacenti l’area della Ztl. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,