Cronaca Taccuino del cronista

«Siringhe e bivacchi nel sottopasso di via Maestra»

Alla segnalazione di una nostra lettrice risponde il comandante della polizia locale Pietro Di Troia: «Interverremo con dei controlli – e annuncia – Stiamo implementando il Nucleo antidegrado e il regolamento di polizia locale sarà rivisto a breve anche a contrasto del fenomeno sulla città»

Una lattina vuota, un pacchetto di sigarette accartocciato, ma soprattutto due siringhe usate: questo lo spettacolo che questa mattina campeggiava nel sottopasso di via Maestra a Novara. Un’area in cui transitano i residenti e i pendolari, che posteggiano nei pressi dell’Agenzia delle entrate e che spesso è stata teatro di situazioni di degrado, anche perché la sua collocazione la rende facilmente al riparo da occhi indiscreti. La foto è stata scattata mercoledì 2 maggio da una lettrice, che l’ha inviata alla redazione de La Voce. «Da ormai diverso tempo il sottopasso di via Maestra, in zona Sant’Andrea, versa in uno stato di degrado – scrive la lettrice – tale da essere ormai considerato come bivacco e rifugio da parte di un non meglio identificato gruppo di persone. A testimonianza di ciò, oltre ad abiti, indumenti e resti di quello che poteva essere un pasto precedente, stamattina questo è ciò che ho visto. Vorrei condividere questa immagine con voi, affinché la questione possa essere finalmente considerata degna e meritevole di interesse da parte di chi di dovere».
«Ho segnalato la situazione, sia per farla ripulire sia per dei controlli contro i bivacchi – replica il comandante della polizia locale Pietro Di Troia – Purtroppo i sottopassi si prestano facilmente a situazioni di questo genere, ma non possiamo pensare di mettere un agente in pianta stabile. Tuttavia stiamo implementando il Nucleo antidegrado, nato circa un anno e mezzo fa, ed è proprio su situazioni come questa, ma non solo, che andremo a intervenire. L’amministrazione comunale ha varato anche 4 ordinanze specifiche (contro accattonaggio, consumo di alcolici al di fuori dei locali, prostituzione e abbandono delle biciclette, ndr) e sta per rimettere mano al regolamento di polizia locale che andrà sempre più a contrasto del degrado, dei bivacchi e di abbandono dei rifiuti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.