Cronaca Sport

Il Porta Mortara a fianco dello stadio di baseball

Il direttivo del Porta Mortara Baseball & Softball si schiera a fianco della società azzurra a difesa dello stadio Provini. Il presidente Giuseppe Mariella: «Ci prodigheremo con tutte le nostre forze affinché l'impianto di via Patti non sparisca dalla mappa degli impianti sportivi novaresi ma non possiamo più tollerare in silenzio una campagna denigratoria di concittadini che, non conoscendo la nostra attitudine alla condivisione dello scopo comune, affrettano giudizi nascondendosi dietro una tastiera»

«Se gli Athletics chiamano il Porta Mortara risponde presente». E’ un messaggio di grande vicinanza quello lanciato dal direttivo del Porta Mortara BSC che, tramite un comunicato stampa, si dichiara pienamente contraria alla modifica di destinazione d’uso della struttura e chiarisce la sua posizione in merito a una insistente campagna denigratoria nei suoi confronti messa in atto da alcuni cittadini novaresi.

«Siamo vicino a tesserati e tecnici della società Athletics – spiega Giuseppe Mariella, presidente del Porta Mortara – e ci prodigheremo con tutte le nostre forze affinché lo stadio Via Patti non sparisca dalla mappa degli impianti sportivi novaresi. Perché non ci va di mezzo solo una disciplina sportiva, della quale entrambe facciamo parte, ma soprattutto lo sport in generale oltre a importanti progetti sul settore giovanile che entrambe le società stanno portando avanti da tempo in mezzo a mille sacrifici».

 

 

 

Sacrifici che qualcuno, evidentemente, non comprende. «Da qualche giorno – prosegue Mariella – è in atto nei nostri confronti una campagna denigratoria da parte di alcuni concittadini che, non conoscendo la nostra attitudine alla condivisione dello scopo comune, affrettano giudizi nascondendosi dietro una tastiera. Finora abbiamo sopportato in silenzio ma adesso è giunto il momento di di basta a questi leoni da divano».

I motivi, come anticipato, sono ben espressi in un comunicato stampa a firma dell’intero direttivo biancorosso. «Il Porta Mortara Baseball & Softball – si legge – che opera dal 1980 nel settore sportivo sia a livello agonistico che amatoriale da qualche tempo è ‘chiamata’ in causa in merito al presunto degrado della sede di via Spreafico, ipotizzato e documentato in maniera artefatta su alcuni social e organi di stampa da parte di alcuni concittadini. Quanto descritto, oltre a non corrispondere a realtà, risulta essere offensivo verso quanti prestano, in maniera totalmente volontaria, la propria opera per mantenere l’ordine e  il decoro della struttura, che la società ha in affidamento, garantendo sempre adeguati standard sportivi, di sicurezza e pulizia. Abbiamo sempre fatto dell’accoglienza il nostro baluardo, ospitando egregiamente gare dei vari campionati nazionali, eventi e tornei di livello internazionale».

Dunque dalle parole (sui social) ai fatti (sul campo). «Il Porta Mortara è pronto a confrontarsi con chiunque, e in special modo con chi in qualche modo legato all’altra società novarese sta orchestrando queste operazioni denigratorie. Azioni che, se dettate dal fondato timore di non poter più disporre del proprio stadio, non troverebbe certo nel Porta un alleato che perori la giusta causa».

Con una precisa e netta presa di posizione in merito al futuro del glorioso impianto di via Patti. «In merito alle voci legate allo stadio Provini – concludono i dirigenti biancorossi – la nostra è una posizione di piena contrarietà alla modifica di destinazione d’uso della struttura. Siamo promotori dello sport in senso assoluto, pertanto di condivisione delle lecite e democratiche iniziative che la società di Via Patti sta portando avanti per garantire un campo, ed un futuro, ai propri atleti».

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,