Cronaca In città

Rifiuti: a Pernate dimezzato il numero dei passaggi per il ritiro della frazione organica dei rifiuti

Nell’ambito della sperimentazione della tariffa puntuale. Pirovano (PD): «Solo disagi in più per i cittadini»

Cambia la raccolta dei rifiuti organici a Pernate: dalla prossima settimana e fino al mese di marzo compreso la frequenza del ritiro si dimezzerà diventando settimanale e verrà effettuato il giovedì. L’amministrazione comunale e Assa ricordano che si tratta di uno dei tasselli della sperimentazione della cosiddetta “tariffa puntuale”, che è in corso nella frazione.
Non la pensa così il consigliere del PD Rossano Pirovano residente a Pernate, che nelle scorse settimane aveva presentato una mozione che puntava a ridurre la Tassa Rifiuti per i pernatesi «costretti – a suo dire – a sopportare disagi e difficoltà e ai quali il servizio reso da Assa è di fatto dimezzato».
«La riduzione dei passaggi di ritiro dell’organico – commenta ora Pirovano – è esattamente la dimostrazione di quanto noi abbiamo sostenuto. Qui la sperimentazione del nuovo sistema di raccolta, sul quale peraltro siamo assolutamente d’accordo, non c’entra nulla. Semplicemente dimezzando i passaggi si riducono le spese per Assa e si aumentano i disagi per i cittadini. Per questo avevamo chiesto una qualche forma di compensazione, o nella forma del taglio della Tari o in quella del “risarcimento” in opere a vantaggio di Pernate».
Restano comunque invariati i giorni di raccolta della carta (sabato), della plastica (martedì) e di vetro, alluminio e banda stagnata che viene effettuato come da specifico calendario.
Prosegue anche la raccolta della frazione “non recuperabile”, in base al calendario di raccolta quindicinale previsto dal progetto sperimentale con il sistema di rilevazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Sempre più Fairtrade

Sempre più Fairtrade

Roma, 31 mag. (AdnKronos) – Sempre più commercio equo: nel 2017 i consumatori italiani hanno speso 130 milioni di euro