Ambiente Cronaca Provincia
Reati ambientali

Reati ambientali: 30.000 euro di multe in 3 mesi

I dati dell'attività della polizia provinciale di Novara, che ha partecipato anche al blitz con la polfer, che ha portato alla scoperta di illeciti nella gestione di rifiuti speciali pericolosi in un impianto di Cameri

Reati ambientali: 30.000 euro di multe in 3 mesi, emesse dalla polizia provinciale di Novara. Lo rende noto Palazzo Natta, in seguito alla notizia della scoperta di un’attività illecita di gestione di rifiuti speciali pericolosi in un impianto di Cameri. Nel sito polizia provinciale e polizia ferroviaria hanno trovato batterie e veicoli demoliti non registrati.

“L’operazione effettuata – commenta il consigliere delegato all’Ambiente Luca Piantanida – evidenzia, nonostante le incertezze normative sulla riorganizzazione delle Polizie Provinciali, lo spirito di appartenenza, la professionalità, la presenza, la visibilità e l’attività di controllo degli Agenti di Polizia Provinciale di Novara, quale ottimo sistema di prevenzione e repressione per la sicurezza e la tutela dell’ambiente, oltre a dare una rapida risposta alle richieste dei cittadini”.

 

“I dati infatti danno un riscontro positivo – prosegue Piantanida – dal 1 novembre 2018 ad oggi sono state riscontrate tre violazioni di carattere ambientale con sanzioni elevate per 18.580 euro e altre cinque violazioni il cui importo verrà determinato successivamente al termine dell’iter procedurale. Altre sei sanzioni per il settore caccia per un importo di 718 euro, mentre sono state ben ventiquattro le violazioni riscontrate del codice della strada (cartelli pubblicitari) per l’importo di 8851 euro e 10 cartelli rimossi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,