Cronaca Taccuino del cronista

Polizia locale, controlli in stazione e in alcuni negozi etnici

Alle operazioni, che si sono svolte nella giornata di ieri, ha partecipato anche l’Unità cinofila anti-droga del Comando di Polizia locale di Trecate

Nel pomeriggio di ieri, giovedì 25 luglio, la Polizia locale di Novara ha predisposto un servizio mirato per il presidio del territorio finalizzato alla tutela della sicurezza urbana. Teatro dell’intervento la zona della Stazione ferroviaria, sia all’esterno che all’interno: l’operazione, che ha visto anche la partecipazione dell’Unità cinofila anti-droga del Comando di Polizia locale di Trecate e la presenza di agenti della Polizia ferroviaria, ha visto l’impiego complessivo di dodici operatori.

In tutto sono state controllate ventotto persone. Di queste una è stata accompagnata in Questura per l’identificazione con Spaid e fotosegnalamento: ciò ha consentito di accertare la sua presenza regolare sul territorio nazionale. Gli agenti hanno anche controllato venti veicoli: il proprietario di uno di questi è stato sanzionato per mancanza di assicurazione e, sulla base delle disposizioni del Testo unico per l’Ambiente, per assenza di formulario per il trasporto di rifiuti.

 

 

Accertamenti anche in un esercizio pubblico (dove è stato elevato un verbale per omessa indicazione prezzi e contestato un verbale per la non corretta etichettatura delle merci in vendita) e due esercizi di vicinato: in collaborazione con il Sian dell’Asl, in un market etnico sono stati sequestrati e distrutti venti chilogrammi di carne ovina e bovina conservati in condizioni non idonee ed è stato inoltre contestato un verbale in riferimento “al pacchetto igiene” per cattive condizioni igieniche dei locali e delle aree di lavorazione della macelleria.

«Si è trattato di un intervento impegnativo e importante, con il quale – commenta l’assessore alla Sicurezza Luca Piantanida – abbiamo dato una risposta positiva e un segno tangibile ai solleciti dei cittadini: l’attenzione e il presidio di questa zona e di altre zone della città a tutela dei Novaresi sono un primario obiettivo dell’amministrazione e della Polizia locale. C’è da parte di tutti la massima attenzione per disincentivare episodi di microcriminalità e contrastare fenomeni di degrado urbano: abbiamo già in programma altri analoghi interventi in altri quartieri novaresi».

Sempre per il mancato rispetto delle norme, nella mattinata di ieri già altri due esercizi etnici erano stati sanzionati dal nucleo di Polizia commerciale: il primo (che metteva in vendita pesce surgelato senza indicazione della provenienza e senza etichettatura, con il sequestro di circa trenta chilogrammi di pesce surgelato) nella zona centrale, mentre il secondo (un fruttivendolo che utilizzava lo spazio previsto per la fermata del trasporto pubblico per vendere angurie e che è stato per questo sanzionato per occupazione abusiva di suolo pubblico) in zona Giulio Cesare.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,