Cronaca In città

Più vicina la cessione delle due campate “superstiti” del Mercato

Una delibera di giunta fa cenno all'interessamento di due nuovi soggetti. E intanto si attende l'inizio dei lavori per la birreria

Sono passati quasi nove mesi da quando il Comune di Novara annunciava di aver concluso l’accordo per la cessione del diritto di superficie di una delle tre “campate” residue del Mercato Coperto di viale Dante ad una società lombarda (la FIA srl di Cornaredo) che avrebbe dovuto realizzare una grande birreria arredata secondo i modelli più “trendy” e attuali del design. L’apertura era annunciata per l’autunno di quest’anno.
L’autunno è arrivato, la birreria ancora no.
Ma nel frattempo il Comune riparte alla carica per cedere anche le altre due campate. Una operazione che, leggendo una delibera di giunta del 3 ottobre scorso, sembra non essere lontana dall’arrivare in porto. Nell’atto approvato dall’esecutivo si parla infatti dell’interessamento di altri due soggetti che punterebbero all’acquisizione delle due campate rimaste ancora disponibili. Un interessamento che si sarebbe bloccato di fronte alla “rigidità” delle regole stabilite dal bando in essere che fissa in modo inderogabile le percentuali di ripartizione dell’offerta tra offerta “tecnica” (valore delle opere di completamento e finitura dell’immobile) e offerta “economica” (canone). La giunta ha deliberato di dare mandato agli uffici di rivedere i criteri nella direzione di una maggiore flessiblità.
Potrebbe essere la volta buona per vedere arrivare in porto un progetto avviato nel 2010 dalla giunta di Massimo Giordano e Silvana Moscatelli, realizzato concretamente – con la progettazione definitiva, il lungo cantiere e la riapertura – dalla giunta di centro sinistra guidata da Andrea Ballarè, e che probabilmente sarà completato dalla giunta di Alessandro Canelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati