Cronaca In città

Parte la giostra del bilancio. E suona l’allarme per il verde

L'assessore Moscatelli ha presentato nella prima commissione le cifre del documento di programmazione 2018. E i centomila euro in meno per le manutenzioni del verde fanno drizzare le antenne anche alla maggioranza

La questione è stata sollevata un po’ a sorpresa dal neo-acquisto della maggioranza, il forzista Michele Contartese: nel bilancio di previsione 2018, che proprio oggi ha cominciato il suo iter con l’esame nella prima commissione consiliare, sono stanziati 100.000 euro in meno rispetto all’anno scorso per le manutenzioni del verde pubblico. Contartese – che è uomo di Assa, la società comunale che avrà assegnato “in house” dal comune questo servizio – ha ricordato con tono preoccupato, il fatto che Assa in questo momento non ha né i mezzi né il personale per gestire i tagli dell’erba e che, come previsto dalla convenzione, si affiderà ad una serie di subappalti esterni. Il fatto è che lo scorso anno furono impegnati 650.000 euro (con risultati assai poco soddisfacenti, come ha sottolineato la stessa assessora al bilancio Silvana Moscatelli)  ora ridotti a 550.000.

Qualche borbottio e qualche faccia scura si è immediatamente palesata nelle file della maggioranza. Come si ricorderà, lo scorso anno la scarsa qualità del servizio di manutenzione era stata fortemente stigmatizzata addirittura con una mozione proposta in consiglio proprio dai gruppi che sostengono il sindaco Alessandro Canelli, fatto del tutto inusuale. «E se nel 2017 con 100.000 euro in più hanno lavorato così male – sussurra un consigliere di maggioranza – chissà come potrà Assa fare di meglio con meno soldi». Una prima risposta è venuta dalla stessa Moscatelli che ha ammesso di confidare nelle capacità di gestione di Assa.

La discussione oggi è stata troncata sul nascere dal provvidenziale intervento del presidente della commissione Mauro Franzinelli che ha rinviato agli approfondimenti in sede di riunione della V commissione, in programma già per questo giovedì. Ma c’è da aspettarsi che questo argomento, considerato come in città sia elevatissima la sensibilità sulla qualità delle manutenzioni, non mancherà di accendere gli animi a Palazzo Cabrino.

Tema del verde a parte, la commissione di oggi è servita all’assessore Moscatelli per elencare con il consueto metodico puntiglio tutte le cifre del documento di programmazione. Un bilancio che pareggia a poco meno di 106 milioni di euro, con una ipotesi di introiti di quasi sei milioni di euro di alienazioni (il cui pezzo forte sono 5 milioni per la vendita delle quote azionarie del Cim).

Nei prossimi dieci giorni tutte le commissioni si riuniranno per vedere nel dettaglio le cifre del bilancio. che andrà all’esame dell’aula il 26 febbraio.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,