Cronaca Sport Volley

Paola Egonu, un calo di pressione e tanto spavento

L’ex igorina, impegnata ieri a Perugia con l’Italia nel match contro la Corea valido per la Nations League, ha accusato un malore al termine della partita. Subito soccorsa è stata trasportata all’ospedale della città umbra per una serie di accertamenti che hanno dato esito negativo. In via precauzionale salterà il match odierno con la Russia

Un calo di pressione e tanto spavento per Paola Egonu. L’ex igorina, impegnata ieri a Perugia con l’Italia nel match contro la Corea valido per la Nations League, ha accusato un malore al termine della partita. Subito soccorsa è stata trasportata all’ospedale della città umbra giocata per una serie di accertamenti che hanno dato esito negativo.

S’è trattato di un calo di pressione, dovuto sicuramente anche allo stress per i tantissimi impegni che la stanno vedendo comunque sempre ottima protagonista in una infinita stagione sportiva. Anche ieri è stata migliore in campo mettendo a terra la bellezza di 27 punti che hanno permesso all’Italia di vincere 3-1 un match affatto semplice.

 

 

 

Paola Egonu, dopo aver trascorso qualche ora in ospedale, è stata dimessa e ha trascorso la notte in albergo col resto delle compagne. In via precauzionale, tuttavia, salterà la sfida in programma questa sera (ore 20). La sua sicura assenza è stata confermata poco fa, tramite una nota stampa, dalla Federvolley.

«L’atleta azzurra Paola Egonu – si legge nel comunicato – che al termine della gara tra Italia e Corea del Sud ha accusato un calo di pressione ed è stata subito soccorsa e trasportata all’ospedale di Perugia, in serata è stata sottoposta ad accertamenti, i quali hanno dato esito negativo. In via precauzionale Paola, che ha passato regolarmente la notte in albergo, questa sera non sarà impiegata nella partita con la Russia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,