Cronaca In città

Open Fiber, cablate 37mila case

I lavori di posa della banda larga sono al 95%, saranno ultimati entro il 2019. Allo studio l’estensione della copertura al centro storico e in alcune zone periferiche della città

Iniziati nel novembre del 2017, i lavori di cablatura della città saranno completati entro il 2019. Al momento Open Fiber (società partecipata da Enel e Cassa Depositi e prestiti), ha ultimato il cablaggio delle prime 37mila unità immobiliari previste dal piano di sviluppo concordato con il Comune di Novara. Un piano di investimento da 16milioni di euro con una rete che si estende per 180 chilometri (di cui 70 riutilizzando tubature esistenti aeree o interrate, cosa che ha permesso di ridurre il disagio per i cittadini con le attività di scavo); posati oltre 600 chilometri di cavi in fibra ottica.

 

 

 

«Siamo in dirittura d’arrivo, l’intervento di posa della banda larga è attualmente al 95% -conferma il sindaco Canelli –  Sono in fase conclusiva anche gli interventi di ripristino del manto stradale, che sono a carico dell’azienda. Il prossimo step sarà quello degli interventi nella zona centrale della città».

«La rete – aggiungono sindaco e direttore generale del Comune – oltre a costituire un importante servizio per i cittadini, rappresenta una delle condizioni necessarie per rendere Novara sempre più competitiva e in grado di attrarre investimenti e lavoro. Con Open Fiber il Comune, tra i primi in Italia ha raggiunto un accordo che ha reso più snello e che di fatto ha velocizzato i tempi di installazione limitando gli scavi al suolo pubblico».

E’ ancora allo studio l’estensione del piano di copertura anche nella parte del centro storico non ancora cablata. «Nelle prossime settimane Open Fiber valuterà la fattibilità del collegamento in base alla disponibilità di infrastrutture esistenti e, al risultato, in termini commerciali, che i nuovi servizi Ftth (Fiber to the home ovvero Fibra fino a casa) registreranno nei quartieri già raggiunti dalla banda ultra larga». Per quanto riguarda nello specifico lo stato di avanzamento lavori registra «il completamento dei sei anelli progettati – aggiunge l’ingegner Paolo Visconti, responsabile area Nord Ovest di Open Fibra – che interessano i quartieri Sud, Sud Est, Porta Mortara, Sacro Cuore, Ovest, San Martino, Santa Rita, Sant’Agabio».

Al momento sono stati già eseguiti ripristini per circa 33mila metri quadrati nella zona sud-est; in via di ultimazione i lavori nell’area sud mentre per quanto riguarda i ripristini nelle restanti zone «è stato definito un cronoprogramma, condiviso con il comune, che prevede il completamento di due anelli entro settembre e l’ultimo entro fine anno».

  1. Avatar
    GIUSEPPE BIANCHI

    Grazie per la posa della banda larga un servizio veramente utile, volevo solo chiedere se la copertura degli scavi effettuati per la posa dei cavi è definitiva, perché nel caso fosse definitiva sarebbe veramente una vergogna. Gli scavi sono stati coperti con una poltiglia rosa che la prima pioggia dilava, quasi tutte le strade dove è stata posata la fibra hanno questi scavi aperti che rendono pericoloso il transito dei veicoli e anche dei pedoni, la speranza è che venga ripristinata in modo adeguato l’asfaltatura.
    Grazie per l’attenzione,
    bianchi Giuseppe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,