Cronaca Giudiziaria

«Non ho mai avuto comportamenti violenti»

Accusato di stalking alla compagna, l’ex si difende in aula

«La nostra non era una relazione vera e propria, ci frequentavamo quando io venivo a Novara, ogni dieci giorni circa perché ero sempre in giro per lavoro. Non c’era nessun problema, tranne nell’ultimo periodo. Io non ho mai tenuto comportamenti violenti, non ho mai alzato le mani su nessuno e non le ho mai dato una gomitata. E, soprattutto, non l’ho mai minacciata di morte, perché avrei dovuto? Le telefonate? Si, certo e anche in orari notturni, ma erano telefonate normali, tra due persone che si conoscono e si frequentano, lei mi raccontava anche problemi e vicissitudini della sua famiglia».

 

 

Si è difeso così, davanti al giudice, un cinquantenne a processo con l’accusa di stalking nei confronti dell’allora compagna (i fatti risalgono al 2011) con la quale aveva avuto una relazione durata qualche anno.

Lei, la donna,  ascoltata nella scorsa udienza aveva riferito che «un giorno lui voleva vedere il mio telefonino, io non volevo e lui mi ha dato uno schiaffo così forte che mi ha spaccato il labbro»; e, in un’altra occasione, mentre rientravano da qualche giorno di vacanza lui le aveva dato una violenta gomitata al torace.

«I suoi atteggiamenti – aveva aggiunto – all’inizio gentili e premurosi, con l’andare del tempo sono cambiati. Diventava aggressivo, sia verbalmente che fisicamente».

Tra i testi ascoltata anche l’attuale compagna del cinquantenne, all’epoca dei fatti amica ed collega della donna.

«Non mi aveva mai detto chi frequentava – ha riferito – diceva “un uomo”, a volte lo chiamava Mister X; la mia relazione con lui (l’imputato, ndr) è iniziata nel gennaio del 2011  e la nostra amicizia si è interrotta quando lei è venuta a saperlo».

Si torna in aula a gennaio per gli ultimi due testi della difesa e per la discussione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati