Cronaca In città

Molestie alle donne nei parcheggi, espulso 34enne nigeriano

Le segnalazioni sono arrivate alla polizia locale dai parcheggi di largo Alpini d’Italia e dell’Ospedale Maggiore. Dopo una serie di appostamenti, gli agenti hanno individuato il soggetto; la Questura ha disposto l'espulsione dal territorio nazionale

Molestie alle donne nei parcheggi, espulso 34enne nigeriano. Al Comando di polizia locale di Novara, negli ultimi mesi erano arrivate diverse segnalazioni dal parcheggio di largo Alpini d’Italia e dell’Ospedale Maggiore relative alla presenza di un extracomunitario che, con insistenza, importunava i fruitori dei parcheggi; in modo particolare, si concentrava sulle donne, accompagnandole al veicolo e generando nelle stesse il timore di poter essere aggredite.

Il Nucleo Operativo della Polizia Locale, dopo una serie di appostamenti, ha individuato il soggetto. Oltre all’applicazione del daspo urbano, il nigeriano è stato accompagnato all’Ufficio Stranieri della Questura di Novara che ha disposto l’espulsione dal territorio nazionale mediante accompagnamento dello stesso al CIE di Torino.

 

 

«Questa operazione in materia di sicurezza urbana – commenta l’assessore alla Sicurezza, Luca Piantanida – è l’ultima di una lunga serie. La Polizia locale è impegnata a far rispettare le norme elementari di pacifica convivenza per garantire la sicurezza dei cittadini».

Nel corso del 2019 la Polizia Locale ha elevato 829 sanzioni per violazioni del Regolamento di Polizia Urbana (soprattutto quelle relative al decoro urbano). Nel 2018 erano state 445, nel 2017 345, nel 2016 378.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,