Cronaca

Lollo, l’ambasciatore del saluto in visita a Novara

Lorenzo Cardone, che ha il dono speciale di salutare le persone e a distanza di anni dal primo incontro di ricordare perfettamente il loro nome, ha ricordato i diritti della persona e in particolare i diritti e la dignità delle persone colpite da autismo

Lollo, l’ambasciatore del saluto in visita a Novara. Lorenzo Cardone ha 18 anni e vive a Savigliano, in provincia di Cuneo. Il 2 aprile 2016, in occasione della Giornata mondiale dell’autismo, la sua città gli ha conferito il titolo di ‘Ambasciatore del saluto’.

Lollo, come ama essere chiamato, ha infatti il dono speciale di salutare le persone e, a distanza di anni dal primo incontro, di ricordare perfettamente il loro nome. Il papà Franco da allora, per quindici giorni all’anno, accompagna il ragazzo nel suo ‘viaggio diplomatico’ per portare alle città italiane, incontrando gli Amministratori pubblici, il saluto di Savigliano e per ricordare i diritti della persona e in particolare i diritti e la dignità delle persone colpite da autismo.

Stamattina Lollo e il papà hanno fatto tappa a Novara, penultima città del tour 2019 che si concluderà domani sabato 22 giugno a Torino. Ad accoglierlo ufficialmente il sindaco Alessandro Canelli, il vicesindaco e assessore alle Politiche sociali e Politiche giovanili Franco Caressa, l’assessore alla Polizia locale Mario Paganini, il direttore generale Roberto Moriondo, il componente dello staff Mauro Franzinelli e la presidente dell’Associazione nazionale genitori soggetti autistici di Novara e Vercelli Priscilla Beyersdorf.

 

 

 

«Mi piace salutare le persone» si è presentato Lollo. Dopo lo scambio dei gagliardetti e di un dono da parte degli Amministratori (la riproduzione della Cupola di San Gaudenzio) gli ospiti sono stati guidati a visitare alcune sale di Palazzo Cabrino. Papà Franco Cardone, che è un carabiniere originario di Montebelluna, ha raccontato il viaggio di quest’anno, iniziato a L’Aquila e che ha toccato Accumuli, Norcia, Tolentino e altre località colpite dal terremoto «dove il saluto di Lollo – ha spiegato – è stato soprattutto un segno di solidarietà da parte nostra» quindi altri luoghi di Marche, Emilia-Romagna, Lombardia (ieri sono stati ricevuti a Milano) e Piemonte.

«Siamo rimasti colpiti dalla simpatia e dalla capacità comunicativa di Lollo – hanno infine commentato gli amministratori novaresi – che in pochissimo tempo ha saputo mettersi in relazione tutti noi e creare interazione nel gruppo. Ci ha molto colpiti anche l’umanità di Franco Cardone che, valorizzando la dote del figlio rispetto a un gesto semplice e a volte scontato, riesce a portare in giro per l’Italia un messaggio davvero importantissimo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,