Cronaca In città

«La fermata dei bus di corso Garibaldi è inadeguata»

Federconsumatori si fa portavoce delle proteste di molti utenti del trasporto pubblico. «Ora che lo spostamento è definitivo è necessario sistemare pensilina e segnaletica»

Uno degli “effetti collaterali” della riapertura a doppio senso di circolazione di Baluardo Quintino Sella è stato lo spostamento delle fermate dei bus che si trovavano in prossimità del semaforo di Piazza Cavour all’altezza del civico 10 di Corso Garibaldi. Una contromisura che si era resa necessaria per andare incontro alle proteste degli autisti della Sun e per evitare il formarsi di code e ingorghi.

La sperimentazione del doppio senso di circolazione sul baluardo si è conclusa, ed è diventata definitiva, con una decisione che diversi utenti hanno definito un po’ frettolosa. Ma tant’è. E pertanto anche la fermata “provvisoria” di corsi Garibaldi 10 è diventata definitiva.

Una fermata che, come scrive in una nota la sezione novarese di Federconsumatori, è  «del tutto inadeguata: priva di riparo e seduta, costretta tra i parcheggi auto, con una segnaletica assai approssimativa».

Federconsumatori in questa occasione si fa portavoce delle segnalazioni di numerosi utenti delle linee del trasporto pubblico locale, e chiede a Sun di intervenire quanto prima.

«Chiediamo all’azienda di provvedere rapidamente alla realizzazione di un’adeguata, efficiente pensilina in grado di soddisfare le esigenze di una clientela sempre numerosa a quella fermata, per limitare disagi anche in vista della stagione autunnale e di predisporre una segnaletica che garantisca ai mezzi pubblici spazi adeguati di manovra per la loro sosta e la ripartenza».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati