Cronaca In città

La Città della Salute è viva: iniziati i lavori di bonifica

Stampa, autorità e medici in visita oggi al cantiere aperto lo scorso 7 novembre nell'area di viale Piazza d'Armi dove sarà costruito il nuovo ospedale

PIù che una conferenza stampa, un rito liberatorio: vedere dal vivo dietro la vecchia cancellata arrugginita della caserma di viale piazza d’Armi le ruspe e le gru al lavoro vale certamente di più di qualsiasi discorso. Tanto più se i discorsi sul tema della realizzazione della nuova Città della Salute si susseguono ininterrotti da vent’anni. E così con la sapiente abilità che gli è propria, il direttore generale del “Maggiore” Mario Minola questa mattina. mercoledì 21 novembre, ha portato tutti lì. In una atmosfera da tundra balcanica (per il freddo e l’umidità) sono sfilati i politici (il sindaco Alessandro Canelli, l’assessore regionale al welfare Augusto Ferrari con i consiglieri Domenico Rossi e Giuseppe Policaro, i consiglieri provinciali Piantanida e De Grandis) con i medici (tantissimi primari e direttori di dipartimento) guidati dal medico-rettore dell’UPO Giancarlo Avanzi, dirigenti e funzionari di Asl e Ospedale

Il messaggio, semplice e chiaro: qui si lavora e le chiacchiere ormai stanno a zero. L’intervento è cominciato il 7 novembre e, assicura il direttore dei lavori, saranno completati entro la fine del 2018: viene rimosso l’amianto delle coperture di 22 edifici per un totale di 18.000 metri quadrati, e successivamente si procederà alle altre verifiche ambientali. Costo totale poco più di 450.000 euro.

«Tutto questo – scandisce MInola – serve a rendere possibile l’avvio del bando per i lavori veri e propri, che sarà pubblicato nei primi mesi del 2019».

In un angolo sorride Gianpiero Savoini: è stato per anni il direttore amministrativo che ha affiancato Minola nel percorso non facile della Cittò della Salute. E se ora si può guardare con qualche certezza al futuro, molto si deve al suo impegno. Sorride. E ne ha ben donde…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati