Cronaca In città

La chiamavano “isola pedonale”…..

Con cadenza quasi quotidiana i lettori della Voce di Novara segnalano la situazione ormai fuori controllo, degli accessi e della sosta selvaggia nell'area centrale della città

Le email non si contano più, e con esse le foto scattate in ogni ora del giorno e in tutti i giorni della settimana. I lettori della Voce hanno messo nel “mirino” la situazione ormai evidentemente fuori controllo, dell’area centrale della città, dove, ad onta delle norme che prevedono zone perdonali e divieti di sosta, le auto transitano e parcheggiano come nulla fosse.

Le zone più segnalate sono sempre le stesse: piazza Gramsci, proprio sotto le finestre del Comune; corso Cavour e corso Mazzini accanto ai portici della Bnl.

Una situazione certamente non nuova, che dura da anni ma che periodicamente raggiunge livelli di vera e propria insostenibilità. Da un lato la sacrosanta garanzia di poter entrare nel centro storico per il carico e scarico delle merci, dall’altra il diritto dei residenti di accedere liberamente alle proprie case, da un altro ancora il numero esorbitante di permessi di transito e sosta rilasciati negli anni e mai sottoposti a verifica periodica, e poi le violazioni da parte dei soliti “furbi”: una serie di concause che di fatto determinano una condizione di intasamento percepibile soprattutto laddove invece le auto proprio non dovrebbero esserci.

Le richieste dei cittadini-lettori possono essere riassunte in un unico concetto: ci vogliono più controlli e più sanzioni ai danni di chi non rispetta le regole, peggiorando sensibilmente in questo modo la qualità della vita di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.