Cronaca Economia, Impresa & Lavoro In provincia

Mercatone Uno: riapre il negozio di Romagnano Sesia

I punti vendita della provincia di Novara e del Vco sono stati ceduti a Shermon Holding. Critiche dal deputato novarese del M5S Davide Crippa

C’è un futuro, anche se ancora con contorni di incertezza per quanto riguarda le garanzie dal punto di vista occupazionale, per i negozi della catena Mercatone Uno, che nel novarese contava quattro punti vendita, a Romagnano Sesia, Caltignaga, Trecate e Pombia, oltre a due nel Vco ( a Crevolaodssola e Gravellona Toce).

I Commissari Straordinari (Stefano Coen, Ermanno Sgaravato, Vincenzo Tassinari),nominati dal ministero dello Sviluppo Economico, in un incontro avvenuto questa settimana a Roma con i rappresentanti delle organizzazioni sindacali hanno illustrato i contenuti dell’accordo che porterà alla cessione della maggior parte dei negozi della catena a due gruppi.

I punti vendita nel territorio della provincia di Novara saranno ceduti a Shermon Holding srl, riconducibile ad un gruppo di imprenditori italiani e stranieri. che garantirà la continuità dell’attività e dell’insegna Mercatone Uno. In questo quadro dovrebbe essere riaperto anche il punto vendita di Romagnano, attualmente chiuso.

I Commissari Straordinari hanno espresso soddisfazione per la soluzione individuata in un contesto molto complesso, Clima positivo anche nel confronto con i sindacati.

Valutazione critica sull’accordo è stata invece espressa dal deputato oleggese del Movimento 5 Stelle, Davide Crippa, che in una nota congiunta firmata con la deputata Jessica Costanzo e la consigliera reginale Francesca Frediani, esprime preoccupazione per il bilancio complessivo sul piano occupazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.