In Piemonte

Tav, il Governo si spacca. Cirio: «Non avevo dubbi che la maggioranza fosse Pro Tav»

Questa mattina in Senato è stata bocciata la mozione dei 5 Stelle No Tav con 181 no e 110 sì. Approvate tutte le altre di Pd, Forza Italia, Bonino e Fratelli d'Italia

Come era prevedibile, la maggioranza al Governo si è divisa sul voto per la Tav. Questa mattina in Senato, infatti, è stata bocciata la mozione dei 5 Stelle No Tav con 181 no e 110 sì. Approvate le altre mozioni: quella del Pd con 180 sì, 109 contrari e un astenuto; mozione Bonino 181 sì, 107 no e un astenuto; Fratelli d’Italia 181 sì, 109 no e un astenuto e Forza Italia con 182 voti favorevoli, 109 no e 2 astenuti.

 

 

«La seduta del Senato ha dimostrato in maniera assolutamente evidente che il governo non ha più una maggioranza – ha scritto in una nota il segretario nazionale del Pd, Nicola Zingaretti -. Il presidente Conte si rechi immediatamente al Quirinale dal presidente Mattarella per riferire della situazione di crisi che si è creata. L’Italia ha bisogno di lavoro, sviluppo, investimenti e ha bisogno di un governo che si dedichi a questo e non ai giochi estivi di Salvini e Di Maio contro gli italiani».

«Non ho mai avuto dubbi che la maggioranza del Parlamento fosse pro Tav – dichiara il presidente della regione Piemonte, Alberto Cirio – infatti sono stato sempre convinto che l’avremmo realizzata. Con oggi cala definitivamente il sipario su un dibattito di cui avremmo fatto volentieri a meno, ma ciò che conta è che adesso la Tav è un’opera irreversibile. Quindi grazie a tutti quelli che a vari livelli hanno dato il loro contributo e ora al lavoro, perché di tempo se n’è già perso fin troppo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,