In Piemonte Politica

Legge regionale sul cyberbullismo: solo la Lega si astiene

Approvata questa mattina a Palazzo Lascaris la normativa che ha come primo firmatario il consigliere novarese Domenico Rossi

Questa mattina a Palazzo Lascaris il consiglio Regionale del Piemonte ha approvato con una larga maggioranza (composta da tutti i gruppi consiliari ad eccezione della Lega Nord) la Legge Regionale per la promozione e il sostegno di azioni di prevenzione, gestione e contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo.

La legge ha come primo firmatario il consigliere novarese del Partito Democratico Domenico Rossi. Il provvedimento, frutto dell’unificazione di due proposte, presentate rispettivamente dal gruppo Pd e dall’Ufficio di Presidenza del Consiglio, stanzia 200 mila euro l’anno per finanziare azioni a sostegno delle vittime ma anche per la sensibilizzazione degli autori delle violenze. Tra le numerose iniziative previste dalla legge due sono particolarmente innovative: l’istituzione del patentino regionale per l’uso della Rete e dei social network e l’istituzione dei centri specializzati di cura per i disturbi da episodi di bullismo e cyberbullismo.

«Finalmente – ha detto Rossi – abbiamo approvato un provvedimento su un tema molto sentito, il bullismo in tutte le sue manifestazioni, con particolare attenzione al cyberbullismo di cui sempre più sono vittime giovani e giovanissimi». «La legge piemontese – ha aggiunto – arriva a meno di un anno dalla legge nazionale in materia, che è stata promossa dalla senatrice Elena Ferrara e che è la prima in Europa ad affrontare questi temi. Ma non si sovrappone a quella, bensì è complementare. Il tutto con un importante coinvolgimento della scuola». «A Novara abbiamo una particolare sensibilità per questo problema perchè – ha ricordato Rossi – ci sono stati episodi che si sono purtroppo conclusi tragicamente, ricordiamo il suicidio di Tommaso Bertoncelli nel 2009 e di Carolina Picchio nel 2013, entrambi vittime di cyberbullismo. Il fenomeno continua a crescere, e l’Istat rileva che nel 2014 in Italia metà degli 11-17enni aveva subito atti riconducibili al bullismo. La nostra Regione deve farsi carico di queste nuove forme di sofferenza, intervenendo nelle sedi e con gli strumenti più idonei».

«Dopo anni di esperienze significative nel campo del contrasto al bullismo e al cyberbullismo, serviva un intervento legislativo che permettesse alla Regione di coordinare gli interventi, oggi ancora molto eterogenei» ha commentato l’assessora all’Istruzione del Piemonte, Gianna Pentenero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Consigliati