Cronaca Sport

Il ‘Dal Lago’ torna agibile alla capienza massima, se non nevica…

L'ultimo ok per complessivi 2188 spettatori è arrivato giovedì scorso dai Vigili del Fuoco. Manca però l'adeguamento alla copertura, il cui progetto è in attesa di graduatoria per poter partire, e in caso di consistenti nevicate tornerà inagibile

Il palasport Stefano Dal Lago, dopo alcuni anni di capienza obbligatoriamente ridotta, torna all’agibilità originale. Sono ora 2188 i posti disponibili sulle tribune dello storico palazzetto in viale Kennedy, dopo il benestare dalla commissione di vigilanza e soprattutto il via libera rilasciato proprio giovedì scorso 24 gennaio col certificato Cpi dei Vigili del Fuoco. Un numero complessivo per gli avvenimenti sportivi ma che, in caso di spettacoli, può variare per ‘difetto’ in base alla configurazione dell’impianto, ovvero a come viene suddiviso lo spazio totale (ad esempio per il palco ed eventuali posti a sedere nel parterre) per lo spettacolo stesso.

Sono stati, specie nell’ultimo biennio, mesi di lavori per verificare quindi mettere in totale sicurezza i carichi sospesi, realizzare le balaustre e ottenere tutti i vari certificati. Nel frattempo, con la capienza ridotta a soli 250 spettatori, non sono stati pochi i disagi che hanno dovuto affrontare quelle società sportive che lì ne fanno base per l’intera attività sportiva senior e giovanile.

 

 

Un fattore che ha fatto molto discutere, sopratutto in coincidenza degli ultimi due derby contro il Vercelli di hockey su pista dell’anno scorso e di quello prima, ‘spostati’ al Sartorio di viale Verdi tra mille accuse e polemiche.  Una disponibilità tanto esigua di posti, non solo in tema sportivo, ha tuttavia in seguito tenuto lontano il grande pubblico da molte altre manifestazioni.

“Tutti i lavori e sopralluoghi al ‘Dal Lago’ sono stati eseguiti – spiega l’assessore allo sport Marina Chiarelli – adesso l’impianto è a norma e di questo sono particolarmente soddisfatta perché come assessorato siamo stati da trait d’union tra gli uffici per portarci a casa un ottimo risultato”. Ma c’è un però, visto che i lavori al tetto non sono ancora stati completati e che, in caso di nevicate, il palasport tornerà ad essere del tutto inagibile. “E’ vero – aggiunge Chiarelli – mancano ancora i lavori per il consolidamento statico della copertura in caso di precipitazioni nevose. Ma il progetto esiste ed è già stato presentato. L’amministrazione comunale ha aderito al bando ‘Sport e periferie 2018’ della Presidenza della Consiglio dei Ministri per la selezione di interventi da finanziare. La graduatoria non è ancora stata resa pubblica, ma credo non tarderà molto. Poi potremo subito mettere mano anche a quest’ultima tranche di lavori e completare tutto in via definitiva”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,