Cronaca In città

I “lavori in corso” del sindaco Canelli

Varcata la soglia della metà mandato il primo cittadino lancia un percorso di presentazione di cantieri, progetti e intenzioni per il futuro della città. Si comincia domani alla sala convegni di Ipazia alle 17,30

È una sorta di comprensibile “riflesso condizionato” che scatta in tutti gli amministratori pubblici quando “scollinando” la metà del proprio mandato, cominciano a tirare qualche somma e avvertono la necessità di dare conto in maniera più puntuale – e possibilmente suggestiva – di quanto è stato fatto e di quanto ci si attende di fare nel breve e medio periodo.

Anche Alessandro Canelli non sfugge a questa regola. E confeziona, in perfetta continuità con quanto è stato fatto dai predecessori il “suo” roadshow di bilancio e propettiva.

Un format, battezzato “Lavori in corso”, che si annuncia almeno sulla carta ben congegnato: un appuntamento al mese, un’ora di tempo,  non più di un paio di temi in ogni incontro. Slide, immagini, contributi tecnici, ma anche riflessioni su «l’impatto atteso e le ricadute in termini sociali, economiche, ambientale e di vivibilità». E poi spazio alle domande, che potranno essere rivolte al sindaco da parte dei cittadini.

«La città di domani – osserva il direttore generale del Comune di Novara Roberto Moriondo – si costruisce oggi. Gli indirizzi progettuali rispondono non solo a delle esigenze, ma anche a un’idea di città. Se vogliamo che Novara sia la prima scelta di cittadini giovani, di professionisti ambiziosi, di imprenditori responsabili, allora dobbiamo lavorare per fare di questa città un ecosistema all’altezza delle aspettative di chi la abiterà»

Questo ambizioso percorso comincia domani, venerdì 16 novembre. Nella sala conferenze del Centro di Ricerche Applicate “Ipazia” in via Bovio, due gli argomenti sotto i riflettori: il progetto di recupero dell’ex Molino Tacchini e le iniziative per il recupero del Centro Sociale di viale Giulio Cesare. Appuntamento alle 17,30. C’è anche la diretta Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati