Cronaca Taccuino del cronista

Furti in casa al Torrion Quartara, Bicocca e Olengo

Nella prima settimana d’agosto il fenomeno si è puntualmente ripresentato in città. Negli ultimi quattro giorni in particolare, alla sala operativa della Questura sono giunte dalle due alle tre chiamate al giorno, prevalentemente in orari notturni

Il mese d’agosto, insieme a quello di luglio, rappresenta il periodo più critico dell’anno sul fronte dei furti in appartamento; anche se negli ultimi anni non si assiste più all’esodo di massa agostano, complice forse la crisi che costringe a gettare lo sguardo anche al periodo di “bassa stagione”, sono ancora molte le persone che, per motivi di lavoro, partono per le ferie tra l’ultima settimana di luglio e la prima metà di agosto.

 

 

Ed è proprio in questo periodo che entrano in azione i “topi d’appartamento”, sicuri del fatto di avere il campo potenzialmente libero. Appartamenti ma anche villette o aziende diventano il bersaglio sul quale puntano la loro attenzione persone “specializzate” nel forzare serrature, superare agevolmente l’ostacolo di porte blindate, mettere a segno colpi “mordi e fuggi”, spesso totalmente incuranti del fatto che ci siano in casa i proprietari.

Nella prima settimana d’agosto il “fenomeno”, quello dei furti in casa, si è puntualmente ripresentato in città; le zone più colpite al momento sembrano essere quelle periferiche, Torrion Quartara, Bicocca e Olengo, quelle che sostanzialmente garantiscono più agevoli vie di fuga.

Negli ultimi quattro giorni in particolare, alla sala operativa della Questura sono giunte dalle due alle tre chiamate al giorno, prevalentemente in orari notturni (anche se, a quanto pare, non disdegnerebbero di agire anche in pieno giorno), di richiesta di intervento per furti e tentati furti in casa. Intanto si è già messo in moto il tam tam dei social.

Per parte loro, le forze dell’ordine cercheranno di implementare, per quanto possibili, la presenza sul territorio, in modo particolare nelle zone periferiche, e di aumentare i controlli sulle auto “sospette”. Intanto, per quanto scontati possano apparire, vale la pena di ricordare alcuni accorgimenti da adottare in caso di assenza prolungata da casa: evitare di far sapere ad estranei che si è in procinto di partire, incaricare qualche vicino di ritirare la posta dalla cassetta delle lettere per evitare che, accumulandosi, dia la certezza che nessuno la stia ritirando da tempo e far installare, se possibile, un dispositivo automatico (un normalissimo timer) che accenda luci e televisione in determinate ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,