Cronaca Taccuino del cronista

Il fuoco fa paura: tetto in fiamme, villetta evacuata nella notte

L'allarme del Conapo: «La situazione nei boschi è critica, mezzi insufficienti»

Il fuoco continua a fare paura e a mettere a dura prova i soccorritori. La Val di Susa continua a bruciare e il sindacato Conapo dei vigili del fuoco lamenta la mancanza di rinforzi. Nel novarese la situazione è decisamente più tranquilla, gli incendi sterpaglie hanno dimensioni più contenute, ma secondo Alessandro Basile, segretario novarese del Conapo, «le forze in campo sono numericamente insufficienti. La situazione dei boschi nel Novarese è critica, non piovendo è tutto secco e basta un niente a innescare un incendio. I vigili del fuoco novaresi, come i vigili del fuoco di tutt’Italia, destano in una situazione critica per mezzi di soccorso, si spera soltanto che non aumenti il vento».
Intanto la notte scorsa, i pompieri sono stati costretti a evacuare una villetta a Castelletto Ticino, dove era esploso un vasto incendio, che ha completamente divorato il tetto. Le fiamme hanno interessato una superficie pari a 400 metri quadri e il fuoco ha raggiunto anche i piani inferiori, attraversando una botola di collegamento, che si trovava nel sottotetto. L’incendio è esploso attorno alle 4: gli inquilini sono riusciti a svegliarsi e a chiedere aiuto. Vista la gravità della situazione sono intervenute più squadre dei vigili del fuoco, che hanno quindi provveduto anche a evacuare gli inquilini dalla villetta. Hanno dovuto trovare ospitalità altrove, in attesa del ripristino del tetto andato a fuoco.
Sono, invece, potuti rientrare rapidamente nella loro abitazione i residenti di una villetta di via Ghiglioni a Borgomanero. Nel tardo pomeriggio di sabato, dal comignolo uscivano delle fiamme. Per evitare che il fuoco si propagasse ad altre parti dell’abitazione, i vigili del fuoco hanno dovuto smontare il comignolo. Soltanto pochi giorni fa i pompieri avevano lanciato un appello a fare manutenzione sugli impianti di riscaldamento, proprio per prevenire questo tipo di incendi, molto frequenti alla riaccensione dei caloriferi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,