Cronaca In Piemonte

Frana Val Vigezzo: martedì si usa l’esplosivo

Lo scorso primo aprile sotto la montagna di pietre erano rimasti uccisi due turisti svizzeri

Sarà fatta brillare martedì la parete rocciosa da cui lo scorso primo aprile si
sono staccati i massi che hanno ucciso due turisti svizzeri sulla statale 337 della Valle Vigezzo. Da allora la strada che collega l’Ossola al Canton Ticino, e la ferrovia Domodossola-Locarno sono chiuse.

È quanto emerso nel corso dell’ultimo incontro in prefettura tra i sindaci della zona e i tecnici dell’Anas. Dopo aver piazzato e fatto esplodere le cariche, il fronte della frana sarà liberato e saranno posizionate sulla parete nuove reti metalliche. L’inizio dello sgombero della carreggiata avverrà non appena l’area sarà in sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Consigliati