Cronaca Giudiziaria

Famiglia a processo per tentata estorsione, minacce e violazione di domicilio

Sul banco degli imputati padre, madre, figlio e un loro parente. Motivo del contendere un casa all'asta. Parte offesa una giovane coppia di novaresi

Si è chiuso con tre condanne e un’assoluzione il processo che vedeva in aula quattro persone accusate, a vario titolo, di tentata estorsione, minacce e violazione di domicilio nei confronti di una giovane coppia che aveva acquistato la loro casa a un’asta giudiziaria.

Sul banco degli imputati padre, madre, figlio e un loro parente; i primi tre sono stati condannati a pene comprese tra i 2 anni e gli otto mesi, assolto il parente (l’accusa aveva chiesto una pena complessiva di 17 anni). Tutto iniziò quando la giovane coppia decise di acquistare un cascinale in un paese alla periferia di Novara; trovarono un annuncio di una vendita all’asta e decisero di partecipare.

 

 

Ma i problemi iniziarono fin da subito, da quando la giovane coppia, prima dello svolgimento dell’asta, andò a prendere visione dell’immobile: oltre all’incaricato dell’istituto era presente anche il proprietario di casa. «Quando fummo sotto al porticato – aveva detto in aula la giovane donna che si è costituita parte civile al processo – lui iniziò ad illustrarci tutti i lavori che c’erano da fare”. Ma loro non si scoraggiarono: la casa andava bene, come posizione, spazi e prezzo e così decisero di andare avanti. Qualche tempo dopo fu bandita l’asta, la giovane coppia partecipò e si aggiudicò l’immobile. Ma da quel momento, stando al racconto della giovane donna, iniziarono i problemi: prima la richiesta di incontri per rinunciare alla casa in cambio della restituzione della caparra, poi le minacce, dapprima velate con qualche frase allusiva e infine le continue richieste di incontri per “arrivare ad un accordo».

A febbraio la giovane coppia entra in possesso delle chiavi ma, sempre secondo il racconto della donna, nessuna tregua per le minacce fino a quando lei, impaurita, chiama la polizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,