Cronaca In città
Ex Macello Chiuso un buco

Ex Macello: «Chiuso un buco, si apre un varco»

Nuovi occupanti abusivi e attorno alla struttura ha ripreso un via vai, che rassicura ben poco i residenti della zona, già segnalata alle autorità competenti: «Cosa succede lì dentro? - si chiedono – Non è che fra un po' salta fuori che qualcuno ci lascia le penne lì dentro per troppi eccessi? Spaccio sotto la tettoia del mercato, fra i box dei banchi stabili, quando sono chiusi»

Ex Macello: chiuso un buco, si apre un varco. Nuovi occupanti abusivi si aggirano in uno degli stabili del complesso di piazza Pasteur. A fine gennaio era stata segnalata la presenza di un buco sul muro che corre lungo via Pontida (leggi qui): nei giorni successivi il Comune era intervenuto richiudendolo con mattoni nuovi. Ma era solo questione di tempo: la settimana scorsa ne è stato aperto un altro, poco più in là, che a oggi è diventato un vero e proprio varco. E attorno alla struttura ha ripreso un via vai, che rassicura ben poco i residenti della zona, già segnalata alle autorità competenti.

“Il tetto di una delle casette continuano ad aumentare, di giorno in giorno, stracci e rifiuti vari – spiegano i residenti – E’ evidente che la presenza all’interno è stabile. Anche perché da quel buco, che ormai ha assunto le dimensioni di una porta, entrano ed escono delle persone. C’è chi ha sentito qualcuno parlare a voce alta in arabo dall’interno del casolare. Inoltre abbiamo visto anche una ragazza molto giovane uscire dal buco. Cosa succede lì dentro? – si chiedono – Non è che fra un po’ salta fuori che qualcuno ci lascia le penne lì dentro per troppi eccessi?”.

 

“Fino a quando l’ex Macello non sarà recuperato, queste situazioni continueranno a ripetersi ciclicamente – proseguono gli abitanti del quartiere – Nonostante le reti, che erano state messe con l’ultimo sgombero (a novembre 2016, quando venne murato anche l’ex dormitorio, ndr), in piazza si vedono ragazzi che saltano al di là del muro come veri e propri ginnasti. E poi c’è chi ha trovato il luogo perfetto per spacciare: sotto la tettoia del mercato, fra i box dei banchi stabili, quando sono chiusi”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,