Cronaca San Gaudenzio 2019

Domani si conclude l’anno giubilare gaudenziano

Alle 17.30 tradizionale chiusura dello Scurolo che, quest'anno, coincide con la fine delle celebrazioni per i 1600 anni dalla morte di San Gaudenzio

Dopo intense giornate molto partecipate, a discapito del freddo, si concluderà domani l’edizione 2019 della Festa Patronale di San Gaudenzio, con le tradizionali celebrazioni dell’Ottavario.

Alle 17.30, in Basilica, sono in programma i vespri votivi di San Gaudenzio, cui seguirà alle 18 la messa, celebrata da don Natale Allegra, parroco del centro città e prevosto della basilica gaudenziana. «Come consueto – ha ricordato don Natale Allegra – al termine della celebrazione religiosa, sarà chiuso lo Scurolo, questa volta fino all’anno prossimo. Siamo, infatti, giunti alla chiusura dell’anno giubilare gaudenziano, in cui è stato celebrato il 1600° anniversario della morte di san Gaudenzio. Non possiamo che essere soddisfatti di aver dato la possibilità a tanti fedeli, novaresi e non, di poter accedere all’urna del nostro patrono tutti i fine settimana, da gennaio dello scorso anno. La devozione nei confronti del presule novarese è sempre viva e lo hanno dimostrato anche i numerosi gruppi che sono venuti in pellegrinaggio sia dalle parrocchie della città e della Diocesi, che dal resto del Piemonte e dalle regioni a noi limitrofe».

Il tradizionale concerto di San Gaudenzio, invece, sarà il prossimo 2 febbraio alle 20.45 e vedrà protagonista l’orchestra Carlo Coccia, diretta dal Maestro Andrea Cappellieri, con i solisti Ivan Rabaglia al violino e Maria Ronchini alla viola: i brani in programma sono la Sinfonia concertante per violino, viola e orchestra K 364 di Mozart, La Moldava di Smetana, Prélude à l’apès midi d’un faune di Debussy e Peer Gynt Suite n. 1 di Grieg. Organizzato dal Comune di Novara con il contributo della Fondazioen Banca Popolare di Novara per il Territorio, sarà l’occasioen per sostenere la raccolta fondi promossa dal Lions Club Novara Ticino a sostegno della “Mensa e dell’armadio del Povero” gestita dai frati Cappuccini del convento cittadino di San Nazzaro alla Costa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,