Cronaca Taccuino del cronista

Danno in escandescenze al bar di mattina, picchiano anche i poliziotti

In manette un 35enne extracomunitario e una 24enne italiana arrestati in corso XXIII Marzo sotto gli occhi di avventori intenti a fare la spesa e a bere un caffè nel dehor

Danno in escandescenze al bar di mattina, aggrediscono anche i poliziotti. I baristi chiamano la polizia per due clienti indesiderati e quando gli agenti arrivano loro gli si scagliano contro. L’episodio è avvenuto nella tarda mattinata, al Wine bar di corso XXIII Marzo a Novara. E non è passato inosservato agli occhi degli avventori che stavano facendo le commissioni o che erano seduti nel dehor di fronte (nella foto, accanto alle auto della polizia) per un caffè. Qualcuno ha visto chiaramente che uno degli agenti è stato costretto ad atterrare e a bloccare l’uomo, che stava dando in escandescenze. Si tratta di un 35enne extracomunitario. Oltre a lui è stata arrestata anche una 24enne italiana. Entrambi devono rispondere di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. In pochi istanti, infatti, è arrivata anche una seconda Volante per dare supporto ai colleghi del primo equipaggio. I due si sono rifiutati di fornire i propri documenti e avrebbero reagito con violenza. Sembra che qualche sera fa avessero avuto una discussione con altri clienti del Wine bar e che nel diverbio fosse scappata qualche bottiglia rotta. L’uomo e la ragazza ora sono ai domiciliari in attesa della direttissima, fissata per venerdì 10 agosto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.