Cronaca Taccuino del cronista

Cuccioli importati dall’Ungheria bloccati a Novara Est

Trasportati in un furgone, i carabinieri forestali hanno accertato una seri di violazioni, multato il conducente con un verbale da 5.000 euro

Nel baule del furgone aveva sei cuccioli di cane provenienti dall’Ungheria, in possesso di documenti regolari, ma che erano stati trasportati in violazione della regolamentazione europea e della normativa nazionale di riferimento. Ad esempio il box in cui erano rinchiusi era inferiore alle misure previste e non risultavano aver fatto alcuna pausa certificata, nel giorno di viaggio che avevano affrontato.
Lo hanno scoperto i carabinieri forestali, nella notte fra il 20 e il 21 gennaio, al casello di Novara Est. Secondo gli inquirenti gli animali erano destinati a negozi del territorio. Per l’autista del furgone, un ungherese di 50 anni, è scattata una multa da 5.000 euro. «Dall’accertamento – spiega il comandante provinciale dei carabinieri forestali, colonnello Valerio Cappello – emergeva che il trasporto veniva effettuato in violazione della regolamentazione europea e della normativa nazionale di riferimento. Infatti, risultava che non erano state adottate tutte le necessarie misure previste per il trasporto di animali, poste a tutela del benessere animale. La normativa europea e quella nazionale impongono una serie molto minuziosa di prescrizioni a garanzia del benessere degli animali ed allo scopo di evitare che gli stessi possano essere sottoposti a patimenti e stress indebiti nel corso del trasporto».
«La legge contro il maltrattamento degli animali, varata nel 2004 – continua Cappello – ha portato a un aumento di controlli. Oggi anche gli autotrasportatori stranieri sono più attenti a rispettare la normativa, il che ha portato anche a un miglioramento delle condizioni del mercato e degli animali stessi». I sei cuccioli hanno quindi potuto proseguire il viaggio verso i punti vendita a cui erano destinati. L’operazione si è svolta in collaborazione con il Servizio veterinario dell’Asl di Novara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Consigliati