Cronaca Economia

Comparto logistico, Canelli: «Novara sempre più strategica»

Così il sindaco a margine della terza edizione degli Stati generali della logistica del Nord Ovest che si è svolta ieri a Milano. Presenti anche convegno anche la dirigenza di Cim

Si è parlato di Novara, e molto. Della sua posizione strategica e di un suo ruolo ancora più determinante in un’ottica di espansione e consolidamento del comparto logistico.

La terza edizione degli Stati generali della logistica del Nord Ovest, che si è svolta ieri a Milano a Palazzo Lombardia, si è conclusa con due importanti accordi: la sottoscrizione da parte delle Regioni Piemonte, Lombardia e Liguria di una dichiarazione congiunta per il consolidamento degli intenti tra gli operatori della logistica e del trasporto merci e il coinvolgimento del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Reti Ferroviarie Italiane e Ferrovienord nella cabina di regia istituita dalle tre Regioni allo scopo di migliorare la competitività del sistema produttivo; il secondo è stata la firma del protocollo di intesa per l’istituzione di un tavolo tecnico permanente per il potenziamento delle condizioni del trasporto merci ferroviario.

Agli accordi era presente anche il viceministro Enrico Bixi: «Questi protocolli – ha dichiarato – consolidano la visione strategica del Nord Ovest, dove si può fare squadra, perché, quando ci si muove nell’interesse del Paese, non si può prescindere da un sistema infrastrutturale efficiente. Le regioni del Nord Ovest sono la locomotiva del Paese, ma devono correre ancora di più».

I saluti istituzionali sono toccati ai tre assessori regionali con deleghe alle Infrastrutture. Claudia Maria Terzi (Lombardia): «Le nostre tre regione si muovono da tempo in modo sinergico in un’ottica che va oltre i confini amministrativi. È, quindi, giusto parlare di territorio del Nord Ovest, ancora di più quando si parla di logistica». Alberto Balocco (Piemonte): «Si tratta di sottoscrizioni importanti che coinvolgono anche il Ministero, finora spettatore e da oggi tra gli attori principali, La logistica è uno dei grandi temi occupazionali del futuro». Come era immaginabile, Balocco ha accennato anche alla Tav: «È partita, ancora con qualche preoccupazione, ma credo che per interromperla ci vogliano delle motivazioni ben più forti di quelle proposte finora». Andrea Benveduti (Liguria): «La mia regione soffre di carenza di logistica, per questo motivo è ancora più importante un momento di confronto come quello di oggi con tutti gli attori in campo. La Liguria, come ha dimostrato la tragedia del ponte Morandi, è un territorio fragile. Le opere pianificate devono quindi essere portate a termine per non interrompere canali fondamentali a livello europeo».

 

 

 

L’illustrazione del contesto macroeconomico è stata affidata a Oliviero Baccelli, professore al Dipartimento di Scienze sociali e politiche dell’Università Bocconi, seguita da una tavola rotonda alla quale hanno partecipato esponenti del comparto della logistica.

Da Novara è arrivata tutta la dirigenza di Cim, il prefetto, Rita Piermatti, e il sindaco Alessandro Canelli che, a margine del convegno, ha dichiarato: «Ho apprezzato molto alcuni tra gli interventi degli esperti presenti, i quali hanno ribadito il ruolo centrale Novara. Un’ulteriore conferma della strategicità del nostro territorio all’interno delle politiche si sviluppo logistico del Paese. In questo quadro il rafforzamento infrastrutturale quanto mai auspicato potrà consentire di rendere il territorio novarese uno snodo importante come piattaforma logistica. Il Cim ha, dunque, bisogno di un piano industriale adeguato a questa ambizione e tutti i soggetti e gli operatori che lavorano nel settore sono chiamati a collaborare per fare in modo che si possa arrivare a questo obiettivo».

Leggi anche Da Novara a Milano per gli Stati Generali della Logistica del Nord Ovest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,