Attualità Cronaca Solidarietà

Colletta Alimentare, sabato c’è la spesa per i poveri

In 90 supermercati si possono acquistare alimenti che verranno donati a 69 strutture caritative novaresi che aiutano 13mila persone in povertà. Coinvolti 1500 volontari, tra cui Alpini, Scout, oratori e molte scuole. Si può donare con un sms al 45582

Questo sabato 30 novembre è possibile fare la spesa per chi è povero. Torna la Colletta Alimentare in 90 supermercati della Provincia di Novara per invitare all’acquisto di prodotti alimentari che verranno donati alle persone in condizioni di bisogno.

Davanti ai supermercati saranno presenti i volontari, contraddistinti da una casacca gialla, che consegneranno una borsa della spesa invitandola a riempire con alimenti per l’infanzia, tonno in scatola, riso, olio, legumi, biscotti, sughi e pelati. Verranno destinati a 69 strutture caritative convenzionate del nostro territorio, che aiutano 13mila persone in stato di bisogno. .

«I generi alimentari raccolti ed inscatolati per tipologia – spiegano i responsabili della Colletta Alimentare – saranno quest’anno immagazzinati in parte direttamente dalle strutture caritative ed in parte presso il magazzino del Banco Alimentare del Piemonte sede di Novara (in Via Alberto da Giussano) e presso l’azienda Ponti a Ghemme».

Lo scorso anno con la Colletta Alimentare nel Novarese sono state raccolte circa 80 tonnellate di alimenti, che rappresentano il 10% dei prodotti recuperati e ridistribuiti durante l’anno dal Banco Alimentare del Piemonte sede di Novara.

Nei punti vendita quest’anno si alterneranno oltre 1500 volontari provenienti da esperienze diverse: oltre alle realtà locali delle associazioni che collaborano a livello nazionale si aggiungono per la parte di logistica e mezzi di trasporto la Croce Rossa Italiana, gli Alpini, la Protezione civile, le Poste Italiane, le strutture caritative convenzionate con il Banco Alimentare del Piemonte e altri privati, più Gruppi Scout, e giovani e adulti da diversi oratori e parrocchie.

«Significativa e numerosa anche quest’anno la partecipazione delle scuole di tutta la provincia. Se tutti i volontari sono spinti dal desiderio di partecipare ad uno dei più grandi gesti di carità in Italia – spiegano ancora gli organizzatori – l’impegno degli studenti avviene grazie ad una sensibilizzazione al valore sociale e personale del gesto».

La Giornata nazionale della Colletta Alimentare è promossa dalla Fondazione Banco Alimentare e giunge quest’anno alla 23ª edizione coinvolgendo 13mila supermercati con la partecipazione di 145mila volontari e la collaborazione anche dell’Esercito Italiano. Da 20 anni è l’evento di solidarietà più partecipato in Italia e rappresenta un consolidato momento per invitare a donare alimenti a lunga conservazione, che nei mesi successivi verranno distribuiti, a livello nazionale, a 7.569 strutture caritative (mense per i poveri, comunità per minori, banchi di solidarietà, centri d’accoglienza, ecc.) che aiutano più di un milione e mezzo di persone bisognose in Italia, di cui quasi 345.000 minori.

«Per noi il gesto della Colletta Alimentare – dichiara Giovanni Bruno, Presidente della Fondazione Banco Alimentare – ha innanzitutto una valenza educativa che dà senso all’azione sociale. La Colletta Alimentare ci educa e testimonia a tutti che è possibile cambiare pezzi di vita, restituirli alla dignità e alla speranza, spezzando l’indifferenza. Vogliamo ricordare a noi stessi, ai volontari che si adoperano per renderla possibile, e quindi a tutti i nostri concittadini, che solo la gratuità, la solidarietà e il dono rendono realmente umana la convivenza civile e vincono l’indifferenza, causa vera di tante ingiustizie. Per questo proponiamo a tutti di partecipare alla Colletta, gesto semplice di straordinaria solidarietà e carità».

Alla Colletta è possibile partecipare anche facendo la spesa online sulle piattaforme di alcune insegne della grande distribuzione ed è possibile inviare un contributo con sms al 45582 da 2 euro  con cellulare o da 5 o 10 euro con chiamata da rete fissa, attivo fino al 10 dicembre.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati