Cronaca In città

Coblenza, il viaggio lo paga Acqua Novara e Vco

È rientrata la delegazione novarese in visita alla città tedesca per il rinnovo del gemellaggio. Con tappa al depuratore che frutta una sponsorizzazione dal 5000 euro

«Siamo stati accolti benissimo e ciascuno per i propri ambiti di riferimento, abbiamo avuto modo di confrontarci con i nostri omologhi di Coblenza, recuperando diversi spunti interessanti che contiamo di riportare nella nostra città».

C’è aria di soddisfazione dalle parti di Palazzo Cabrino alla conclusione del viaggio di tre giorni nella Renania Palatinato di una nutrita delegazione del Comune di Novara – sette persone tra cui gli assessori al turismo Valentina Graziosi, all’urbanistica Federica Borreani e allo sport Federico Perugini con il consigliere della Lega Gaetano Picozzi – ospiti della città gemellata con Novara dal 1991. Un gemellaggio, come ricordano anche gli assessori nato in ambito sportivo, ma che viene oggi interpretato sotto una nuova luce.

«Oggi – hanno dichiarato Graziosi, Borreani e Perugini in una nota diffusa dal Comune –  la nostra città può prendere spunto dallo sviluppo di Coblenza sia in termini turistici che per quanto riguarda lo sviluppo urbanistico. Loro hanno voluto e saputo investire sui giovani e sulla cultura, in termini urbanistici hanno recuperato beni demaniali, come stiamo facendo noi con le caserme, e stanno assecondando il grande sviluppo demografico che stanno vivendo negli ultimi anni. Ambizioni che abbiamo anche noi per Novara, come quella di lavorare per creare piste ciclabili e attrattività turistica».

Dal sintetico resoconto scopriamo che della delegazione faceva parte anche la professoressa Gabriella Colla (non in rappresentanza, come d’uso, del Provveditorato agli Studi ma in questo caso dell’Associazione Gemellaggi) che ha provveduto a consegnare due targhe  ai rappresentanti dell’amministrazione comunale di Coblenza, e «due tecnici di Acqua Novara Vco».

Una presenza, quest’ultima, apparentemente insolita, se non fosse per l’accenno (proprio in coda al comunicato stampa) ad una visita «al depuratore della rete idrica della città».

Lecito domandarsi cosa abbia di così speciale il depuratore di Coblenza da dovergli dedicare una porzione della visita ufficiale del Comune di Novara. Una semplice ricerca sul web permette di scoprire che il depuratore funziona in realtà dal 1970, anche se tra il 2010 e il 2014, con un finanziamento dell’Unione Europea è stato ammodernato con l’obiettivo della “autarchia energetica”.

Evidentemente questa evoluzione tecnologica è di particolare interesse, al punto da spingere Acqua Novara Vco, la società che gestisce il ciclo delle acque a Novara, a farsi carico dell’intera spesa per la trasferta di rinnovo del gemellaggio.

Come si evince dalla determina n. 102 del servizio per lo sviluppo degli eventi sportivi e del turismo, la società guidata dall’amministratore delegato Andrea Gallina ha deciso di sponsorizzare per un totale di 5000 euro il viaggio a Coblenza, facendosi carico delle spese per il noleggio di un pulmino (per il viaggio di andata dell’intera delegazione), l’acquisto di biglietti aerei (per il viaggio di ritorno dell’assessore Graziosi e proprio dei due tecnici di Acqua Novara e Vco , «in quanto – si legge nell’atto amministrativo – dovranno rientrare anticipatamente per impegni inderogabili») e l’acquisto degli omaggi da consegnare alla municipalità tedesca (biscotti di Novara).

Si vedrà nel prossimo futuro quale sarà «l’ interscambio positivo di impulsi e idee» in direzione di una possibile “autarchia energetica” anche in chiave “gaudenziana”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati