Cronaca In città

«Ciao Stephan, la tua energia e la tua curiosità rimangono qui con noi»

Profondo cordoglio per la scomparsa dell'assicuratore 29enne, la cui famiglia è molto nota fra Novara e provincia: il padre Ferruccio Zanforlin è uno stimato architetto, mentre lo zio Marco è stato presidente della Cna per 8 anni e ora è portavoce dei carrozzieri

Novara sconvolta per l’improvvisa scomparsa di Stephan Zanforlin, 29 anni, trovato senza vita nella notte fra lunedì 11 e martedì 12 giugno, nel cortile della sua casa di Milano. Da Novara si era trasferito nel capoluogo lombardo negli anni dell’università, dove si era laureato in giurisprudenza e subito dopo aveva trovato lavoro in ambito assicurativo. «La tua energia e la tua curiosità sono rimaste qui con noi, continua a viaggiare»: con queste parole amici e colleghi hanno voluto ricordarlo con un necrologio apparso sulle pagine milanesi del Corriere della Sera. Descritto come un ragazzo tranquillo ed equilibrato, Stephan amava molto viaggiare ed era appena rientrato dalla Thailandia.
La notizia della sua morte si è sparsa rapidamente nel novarese, dove la sua famiglia è molto conosciuta. Il padre Ferruccio è uno stimato architetto, che in passato aveva anche collaborato con l’ingegnere ed ex ministro Maurizio Pagani (scomparso nel 2014). Lo zio Marco, invece, è stato per due mandati presidente della Cna Novara e Vco e attualmente ricopre la carica di portavoce dei carrozzieri. L’associazione di categoria esprime «profondo cordoglio alla famiglia» del ragazzo.
I funerali di Stephan Zanforlin sono in programma domani, venerdì 15 giugno, alle 14,45 nella chiesa della Madonna Pellegrina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.