Cronaca In città

Il brivido sottile della trasgressione… della sosta

I dati del Comando della Polizia Locale sulle contravvenzioni descrivono i comportamenti degli automobilisti novaresi. Il 76% delle multe sono per divieto di sosta

Sono sempre le multe legate alla sosta a costituire la maggior parte delle violazioni del Codice della strada a Novara: quasi 25mila su un totale di 32.841, il 76% circa. Lo si rileva dai dati diffusi dall’Unità Viabilità del Comando di Polizia locale.

Gli anni passano, le amministrazioni cambiano, ma si continua a riscuotere (e poi non sempre l’ente ci riesce) con chi per la fretta o per incuranza ha lasciato l’auto dove non si può, o troppo a lungo dentro le “strisce blu”.

Con un primo dato sorprendente: le violazioni complessivamente rilevate sono sì calate di 4350 rispetto al dato del 2016 (furono in tutto 37.191) ma il valore percentuale delle violazioni legate alla sosta è fortemente cresciuto: nel 2016 rappresentava il 70% del totale, per il 2017, come detto, sono sei punti in più.

In particolare nel 2017 sono state 13.003 le violazioni accertate dai Vigili per la sosta vietata (dato non ancora definitivo, comunque quasi tremila in più di quelle del 2016) e 11.939 le violazioni nei parcheggi a pagamento rilevate dagli ausiliari del traffico. Quindi Musa fa ancora “piangere” gli automobilisti che vengono in città. La stessa nota emessa dall’Ufficio stampa del Comune definisce questo dato come «significativo».

Altro numero davvero rilevante è quello dei veicoli “beccati” ad accedere senza permesso nella zona a traffico limitato, la “Ztl”, pur segnalatissima e vigilata da telecamere. A queste non sono sfuggiti ben 4.814 accessi proibiti (anche questo dato attende di essere verificato).

Infine, per citare i numeri maggiori, sono segnalate 1.014 violazioni alle norme di comportamento.

Ma come vengono accertate? 587 quando gli agenti escono a seguito di incidenti stradali, 599 sono dovute a mancata comunicazione dei dati del trasgressore o per omessa presentazione dei documenti richiesti, 361 per intervento degli ausiliari del traffico Sun. La nota informa anche come 155 accertamenti siano stati effettuati dagli agenti con il sistema di rilevamento elettronico “Targa System” (che legge la targa e si collega a un computer per verificare che il veicolo sia a posto).

Infine due dati che interessano la sicurezza: 89 sono state le violazioni riguardanti la mancata revisione dei veicoli e 199 (in tutto l’anno) per il mancato rispetto dei limiti di velocità.

Un tema all’ordine del giorno: proprio da oggi è avviata l’iniziativa degli autovelox posizionati in via Europa, via Galileo Galilei, via papa Giovanni XXIII, corso Risorgimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.