Cronaca In città

Anche alla Bicocca è tempo di festa patronale

Già avviato il programma religioso, il clou della manifestazione nel prossimo fine settimana

Anche alla Bicocca è tempo di festa patronale. Il popoloso quartiere nella zona sud est della città si anima con la sagra che ha al centro la celebrazione religiosa della festa della Natività di Maria, ma che diventa una occasione per momenti di divertimento e socializzazione nel classico stile delle feste popolari rionali.

Già da oggi, lunedì 3 settembre, la parrocchia ha avviato il calendario liturgico che accompagna la festa con appuntamenti quotidiani, e che culminerà domenica prossima, 9 settembre, con la solenne processione della statua della Madonna nelle strade del quartiere, accompagnata dalla banda musicale di Villata.

Da qualche giorno, negli spazi dell’Oratorio, è partita l’attività del punto di ristoro, con un menù che in questi giorni prevede dalle 19,30 salamelle e patatine fritte. Sabato 8 sulla griglia ci saranno anche le costine, mentre i due giorni più “ricchi”, con la possibilità di usufruire del servizio ai tavoli e la prenotazione (tel. 3343673603)  saranno domenica 9  e lunedì 10. Domenica a tavola ci saranno ravioli, polenta e stufato d’asino pesciolini e calamari fritti, mentre lunedì trionferà la paniscia (per la quale è prevista la possibilità di asporto).

Nei tre giorni finali della festa sarà attiva l’animazione musicale, aperto il banco di beneficienza e sono in programma tornei di calcetto e di calciobalilla e l’animazione riservata ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.