Cronaca Giudiziaria
tribunale il caldo

Accusato di violenza sessuale, assolto giovane egiziano

Lei minorenne, lui da poco diciottenne, entrambi con problemi familiari alle spalle, lui seguito da un paio d’anni, lei arrivata da pochi mesi

La ragazza lo accusa: «Ha cercato di violentarmi», ma il suo racconto non convince i giudici; troppe lacune, troppe imprecisioni e poi lui, il ragazzo contro il quale lei aveva puntato il dito, quella sera e in quell’arco di tempo nel quale lei aveva collocato l’aggressione, era da tutt’altra parte e a testimoniarlo, davanti al tribunale di Novara in composizione collegiale, c’erano anche alcuni operatori della struttura all’interno della quale entrambi i ragazzi, all’epoca dei fatti, erano ospiti.

Lei minorenne, lui da poco diciottenne, entrambi con problemi familiari alle spalle, lui seguito da un paio d’anni, lei arrivata da pochi mesi. Tutto, secondo il racconto che la ragazzina aveva fatto, era accaduto una sera di marzo di sette anni fa, all’interno della struttura, sulle scale: si erano incrociati, lui l’aveva bloccata, le aveva strappato i vestiti e poi aveva tentato di abusare di lei. Ma la denuncia, la ragazzina, non l’aveva fatta subito; tra i presunti fatti e il suo racconto erano infatti trascorsi più di una decina di giorni.

Ma troppi particolari non combaciavano, il racconto era impreciso, e per la sera indicata dalla giovane come quella in cui si sarebbero verificati i fatti, il ragazzo, con alcuni operatori, era impegnato in un’altra attività. Lo stesso pubblico ministero in chiusura di requisitoria aveva chiesto l’assoluzione per il ragazzo, sulla base della non credibilità della giovane, nel frattempo diventata irreperibile. Una richiesta accolta dai giudici che hanno mandato assolto il giovane «perché il fatto non sussiste».

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati