Cronaca In città

AAA Comandante dei vigili cercasi

Il Comune a caccia di un nuovo dirigente per la Polizia Locale. Pubblicato il bando per l'acquisizione in mobilità da un'altra amministrazione

«La presente procedura di acquisizione del Dirigente in comando è motivata dalla necessità di acquisire con la massima urgenza la figura dirigenziale attualmente vacante al fine di garantire
continuità alle attività del Comando di Polizia Municipale».

Ha fretta il Comune di Novara: il posto di comandante della Polizia Locale è uno dei più rilevanti all’interno dell’organigramma comunale ed è attualmente scoperto. «Per questo – dice l’assessore al personale del Comune, Federico Perugini – nell’ambito della riorganizzazione della pianta organica del nostro Comune, si è scelta la strada di acquisire il nuovo comandante attraverso la procedura della mobilità, in modo da accelerare i tempi».

In pratica è stato pubblicato un bando attraverso il quale si sollecitano manifestazioni di interesse e disponibilità a trasferirsi a Novara. da parte di persone in possesso dei titoli necessari, in sostanza quello di essere già comandante di polizia locale in servizio.

Il nuovo comandante andrà ad aggiungersi alla serie dei dirigenti che hanno guidato negli ultimi anni il Comando: dopo Sergio Vedovato, Antonella Colella, Paolo Cortese, Maurizio Bisoglio e più recentemente ancora Antonella Colella.

I tempi per la presentazione delle domande sono molto brevi: la scadenza è fissata il 7 febbraio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.