Cronaca In città

La psicologia dialoga sull’odio, la violenza ed il terrorismo

È il titolo dell'incontro promosso dall'Ordine degli Psicologi in programma sabato 16 febbraio all'Arengo del Broletto

La psicologia dialoga sull’odio, la violenza ed il terrorismo è il titolo dell’incontro promosso dall’Ordine degli Psicologi del Piemonte – Network della provincia di Novara, in collaborazione del Circolo dei Lettori.

«Odio e violenza, punti ciechi dell’animo – spiega Giuliana Ziliotto, responsabile dell’Ordine degli Psicologi per la provincia di Novara – da sempre la parte oscura dell’uomo, stanno dilagando e assumendo nuove forme pervasive e dilaganti in questa società senza limiti e confini che da liquida sta evaporando, secondo molti studiosi, trasformandosi in gassosa. La complessità e la velocità dei cambiamenti del terzo millennio del resto ci costringe ad abbandonare la fantasia di verità uniche, eterne ed inamovibili. Alla complessità non si può rispondere con narrazioni semplicistiche e, nella pratica, gli schemi di riferimento in base ai quali si agisce a livello individuale, istituzionale e sociale devono essere sempre più elastici e lontani dagli stereotipi».

Anche gli psicologi, dunque, sono chiamati alle loro responsabilità. La psicologia infatti non opera soltanto a fianco delle vittime, perché dopo il dolore e il trauma, dopo lo stress post-traumatico, dopo le perdite viene anche il momento della riflessione. Vi è la necessità di lavorare anche in modo preventivo, nelle scuole, nelle istituzioni, nel sociale. Entrano in gioco così altre branche della psicologia: psicologia sociale, della comunicazione, transculturale, criminologia, psicologia della religione, etnica, di comunità, dell’emergenza, dell’educazione, della salute, del lavoro e delle organizzazioni, della pubblicità, delle masse. La psicologia può essere così un nodo in una rete di interventi, ma ancor prima può essere un nodo di una rete di pensieri. In un rapporto dialogico e sinergico con altre discipline e altre istituzioni può lavorare per sviluppare una visione se non globale, almeno il più ampio possibile sulle forme attuali dell’odio, della violenza, fino al terrorismo, per poter contribuire alla costruzione di risposte efficaci in termini clinici, sociali e organizzativi.

Per questo l’Ordine degli Psicologi a Novara ha scelto di aprire il dialogo su questi temi presentando un ebook dal titolo “La vita ai tempi del terrorismo. Psicologia e fiducia per gestire la paura e fronteggiare il Male” pubblicato dall’Ordine degli Psicologi del Piemonte e scaricabile gratuitamente con il link http://ebook.ordinepsicologi.piemonte.it. Il testo, curato dallo psicologo psicoterapeuta Luciano Peirone, contiene molti contributi importanti su questo tema così delicato.

All’incontro in programma sabato 16 febbraio alle 10.30 all’Arengo del Broletto parteciperanno, oltre all’autore e alla dottoressa Ziliotto, il questore, Rosanna Lavezzaro, l’assessore alla Sicurezza e Legalità del Comune, Mario Paganini. Modererà il dibattito Serena Fiocchi.

Un momento di confronto non solo per i professionisti, ma soprattutto per la cittadinanza, per tutti coloro che sentono la curiosità di saperne di più su un aspetto tanto problematico quanto attuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati