Ambiente Cronaca

«Perchè sono spariti i dati sull’inquinamento?»

Secondo Fabio Tomei, esponente ambientalista novarese, sul sito internet del Comune le informazioni non sono più state aggiornate dal 4 di agosto in avanti

Perchè a Novara si tengono nascosti i dati sulla concentrazione di polveri sottili dell’aria? Se klo chiede – e lo chiede provocatoriamente al Comune di Novara, Fabio Tomei, rappresentante novarese del Carp, il Comitato ambientalista piemontese.

Secondo Tomei, i dati delle Pm10 e dell’ozono, da molti anni disponibili con aggiornamento quotidiano sul sito del Comune di Novara, sono fermi al 4 agosto.

«Qualcosa di sorprendente – commenta l’esponente ambientalista – e che  mia memoria non si è mai verificata nel passato. Credo che il Comune di Novara dovrebbe spiegare a tutti il perché di questo buio».

Tomei rivolge quattro domande all’amministrazione comunale: «Primo, per quale motivo i dati del PM 10 e dell’ ozono nell’ aria non sono più disponibili; secondo, quando questi dati saranno nuovamente disponibili, tenuta presente  l’ imminente accensione dei riscaldamenti domestici; terzo, come e quando verranno applicate le misure di emergenza nei casi previsti dal ” semaforo padano”, cioè codice arancio, rosso, viola dopo rispettivamente 4 giorni, 10 giorni, 20 giorni successivi di sforamento del PM 10».

Proprio in questi giorni, in tema di misure per il contenimento dell’inquinamento da traffico, il Comune di Novara continua a mantenere una posizione di attesa: gli  annunciati provvedimenti non sono stati assunti, e al momento non sono alle viste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.