Ambiente Econotizie

Novara in prima linea con la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti

Risultati eccellenti durante gli appuntamenti organizzati da Comune, Assa e Cbn. Proseguono le mostre allestite nel cortile del Broletto e al Castello

Risultati eccellenti da Novara in occasione dei dieci anni della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, Serr 2018.

Grazie anzitutto ai cittadini che fattivamente permettono di raggiungere i risultati di raccolta differenziata che fanno della nostra città una eccellenza non solo italiana ma anche europea, e grazie all’attività profusa da Assa, dal Consorzio di Bacino Basso Novarese e dall’Assessorato all’Ambiente del Comune di Novara, la città di Novara ha contribuito molto in questi anni alla costante sensibilizzazione sulle tematiche di riduzione dei rifiuti, riciclo, sostenibilità ambientale.

Molto ben partecipati gli appuntamenti organizzati da Comune, Assa e Cbn in occasione della Serr 2018, sia il convegno sui Raee, rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, che l’incontro di formazione rivolto agli insegnanti delle scuole novaresi e i laboratori per bambini e ragazzi, eventi, questi ultimi, promossi anche dall’Ufficio Scolastico Provinciale del Miur.

«Siamo contenti dell’adesione avuta da maestre e professoresse  – – sottolinea il presidente Assa, Riccardo Lanzo – che si sono dette ampiamente soddisfatte dei contenuti e delle modalità della nostra proposta formativa di giovedì 22 novembre. Domenica 25  al Circolo dei Lettori abbiamo avvicinato le giovani generazioni all’importante tematica ambientale sviluppata in questa Serr, ossia come “disintossicarsi” dai rifiuti pericolosi riducendo l’impiego di sostanze pericolose nella vita quotidiana, in casa, per la pulizia degli ambienti, il lavaggio degli indumenti, i giochi e anche capire quali sono nelle case i rifiuti che rientrano nella cosiddetta categoria dei “pericolosi”, dove si nascondono quali sono le corrette modalità per il loro smaltimento quando non servono più o si rompono. Tutti entusiasti i numerosi partecipanti che hanno imparato divertendosi a produrre in casa detergenti e giochi veloci da fare e soprattutto “non inquinanti”».

«Siamo convinti che l’educazione al rispetto dell’ambiente e ad approcci virtuosi con cui trattare i rifiuti debba necessariamente cominciare dalla tenera età – prosegue il presidente Lanzo – Sono le giovani generazioni a dover infatti a loro volta trasmettere la sensibilizzazione ambientale all’interno delle loro famiglie e dei contesti in cui sono attivi. Una grande sfida per formare cittadini consapevoli e rispettosi dell’ambiente in cui viviamo. Nell’ambito delle “azioni” organizzate a Novara per questa Serr ci sono le mostre fotografiche, meta di molti visitatori, allestite nel cortile del Broletto a cura dell’Associazione novarese Pro Natura e della Società Fotografica Novarese, e la mostra ECO, personale di Enrica Borghi, artista novarese di fama internazionale, allestita nel Castello di Novara che dimostra proprio come un rifiuto possa diventare oggetto d’arte ed espressione di cultura e che resterà aperta fino al 3 febbraio ad ingresso gratuito dal martedì alla domenica».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati