Ebola: Oms, 29 nuovi casi in Congo, risposta minata da problemi sicurezza

Milano, 12 ott. (AdnKronos Salute) – Crescono ancora i casi di Ebola registrati nella Repubblica democratica del Congo: dall’ultimo aggiornamento (9 ottobre) a oggi sono state segnalate 29 nuove infezioni confermate. E l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) avverte: difficile garantire una risposta pienamente efficace all’epidemia, perché “è sempre più minata dalle sfide alla sicurezza nelle aree a rischio, in particolare Beni”. E infatti, sottolinea l’agenzia Onu per la salute, c’è stato “un recente aumento dell’incidenza di nuovi casi di Ebola” che in parte è il risultato proprio “della moltitudine di sfide affrontate dai team” in campo per fronteggiare il virus, oltre che del miglioramento delle attività di report delle infezioni e di sorveglianza attiva da parte della comunità.

Il riferimento è a “incidenti che hanno un forte impatto sia sui civili che sugli operatori in prima linea e che costringono a sospendere le attività di risposta all’Ebola, aumentando il rischio che il virus continui a diffondersi”. L’Oms parla degli “episodi di conflitto tra ribelli e forze governative”, ma anche, a livello di risposta delle comunità locali, di “sacche” di resistenza. Dei nuovi casi, 23 sono stati segnalati a Beni, 4 a Butembo, uno a Mabalako e uno nella zona sanitaria di Masereka nella provincia del Nord Kivu. “Quindici di queste infezioni confermate – spiega l’Oms – sono state collegate a casi noti o collegate retrospettivamente a catene di trasmissione all’interno delle rispettive comunità, mentre 14 rimangono oggetto di indagine”.

Al 9 ottobre, il totale casi di Ebola registrati in 7 zone sanitarie della provincia del Nord Kivu e 3 della provincia di Ituri era a quota 194 (159 confermati e 35 probabili), di cui 122 morti (87 confermati e 35 probabili). “Si osserva – scrive l’Oms in una nota – una tendenza generale crescente nell’incidenza dei casi settimanali”. La maggioranza (64%) dei contagiati ha un’età tra 15 e 44 anni, il 55% sono donne. Il numero di operatori sanitari colpiti dal virus, dopo una recente nuova segnalazione, è salito a 20 (19 confermati e uno probabile), 3 sono morti.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.