Vinitaly: assessore Veneto, per viticoltura regione prima per efficienza (2)

(AdnKronos) – (Adnkronos) – “Il metodo per ora è sperimentale e mira a garantire il massimo utilizzo delle opportunità finanziarie europee – spiega Pan – Così facendo i viticoltori veneti non perderanno i fondi per le assicurazioni sul raccolto per i vigneti, che cambieranno solo fonte di finanziamento, e potranno beneficiare di risorse aggiuntive per le misure del PNS (ristrutturazione vigneti, promozione dei vini nei paesi terzi, investimenti per la trasformazione dell’uva in vino). In questo modo la Regione potrà sostenere in modo ancor più efficace e consistente gli investimenti dei viticoltori e degli operatori della commercializzazione”.

“La Regione Veneto sarà, inoltre – informa Pan – coordinatrice del gruppo tecnico per la revisione dei parametri per il riparto dei fondi del PNS fino al 2023, per scelta della Commissione per le politiche agricole delle Regioni . “Un incarico che valorizza, ancora una volta – conclude l’assessore – il ruolo del Veneto nel settore vitivinicolo e la capacità di gestire in modo efficiente gli aiuti pubblici al comparto, nel rispetto delle potenzialità di ciascun territorio”.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.