Veneto: Anci, Consiglio autonomie locali strumento importante istanze territori

Padova, 11 ott. (AdnKronos) – Il prossimo 12 ottobre, come deliberato dall’Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale, sono state fissate le elezioni del Consiglio delle Autonomie Locali (Cal). Il Cal è stato istituito dalla Legge Regionale n.31 del 25 settembre 2017 n. 31 in attuazione dell’art. 123, comma 4, della Costituzione e dell’articolo 16 dello Statuto del Veneto. Il Consiglio delle Autonomie Locali è un organo di rappresentanza degli Enti Locali, nonché di consultazione e di cooperazione tra gli stessi e gli organi della Regione.

Il CAL è costituito da componenti di diritto e da componenti elettivi nel numero massimo di trenta. Il CAL è costituito da componenti di diritto e da componenti elettivi nel numero massimo di trenta.

I componenti di diritto sono i seguenti: i presidenti delle province del Veneto, il sindaco della Città metropolitana di Venezia, i sindaci dei comuni capoluogo di provincia e di Regione, ovvero il vicesindaco del comune capoluogo, qualora il sindaco cumuli anche la carica di presidente di provincia o di sindaco della Città metropolitana, un rappresentante dell’Associazione regionale comuni del Veneto (ANCI); un rappresentante dell’Unione nazionale comuni comunità enti montani – delegazione regionale del Veneto (UNCEM); un rappresentante dell’Associazione nazionale piccoli comuni d’Italia (ANPCI).

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.