Tav: Transalpine, Torino-Lione è necessità, in 2018 boom traffico tir

Roma, 7 gen. (AdnKronos) – Il boom del traffico dei mezzi pesanti tra la Francia e l’Italia “conferma l’assoluta necessità” dell’alta velocità Torino – Lion: “è l’unica soluzione credibile per spostare in modo massiccio e durevole i tir dalla strada alla rotaia sul corridoio mediterraneo che collega la penisola iberica all’Europa centrale”. Così in una nota il Comité pour la Transalpine Lyon – Turin, il comitato francese che promuove la linea ad alta velocità Torino – Lione, che mette in evidenzia come nel 2018 il tunnel stradale del Frejus ha registrato il passaggio di 786.285 mezzi pesanti (+7,2% rispetto al 2018) mentre il tunnel del Monde Bianco ha registrato il passaggio di 648.810 tir (+4,4%). Complessivamente questi aumenti “rappresentano 80.416 tir in più nel 2018, ossia in media 220 veicoli aggiuntivi al giorno” rispetto al 2017.

“Dal 2013 l’aumento del traffico dei mezzi pesanti è cresciuto del 18%, ossia 223 mila veicoli aggiuntivi in cinque anni”, rileva ancora il Comitato francese sottolineando che il “trasporto merci su ferro ha un costo ambientale e sociale 10 volte inferiore a quello stradale”.

A settembre scorso, sottolinea Transalpine, “Sncf Réseau e Rfi hanno confermato che la linea storica era, contrariamente a quello che affermano i contrari alla Torino-Lione, incapace di assorbire questo aumento continuo del traffico tir a causa delle restrizioni legate alla sicurezza che limitano la capacità del tunnel del Moncenisio costruito nel XIXesimo secolo. A queste restrizioni, sempre più pesanti, si aggiungono le debolezze strutturali dell’opera”. Intanto, rileva il Comitato, “un programma di tunnel di nuova generazione identici a quello del Torino – Lione si sviluppano in Svizzera e in Austria”.

Consigliati