Stm: da lavoratori ok a ipotesi accordo contratto integrativo

Roma, 13 ott. (AdnKronos) – Oggi, secondo il programma previsto, sono state ultimate le operazioni di scrutinio del voto delle lavoratrici e dei lavoratori, dei diversi siti St Microelectronics, sull’ipotesi di accordo del 18 settembre 2018 per il contratto integrativo di gruppo. Hanno partecipato al voto 5.648 lavoratori, il 57,65% del totale di 9.797 addetti. Il voto favorevole all’ipotesi di accordo ha raccolto 3.699 si, pari al 65,98%. I contrari sono stati 1.907 pari a 34,02%.

Positivo il commento delle organizzazioni sindacali Fim-Cisl e Fiom-Cgil firmatarie dell’intesa, insieme al Coordinamento sindacale nazionale, soprattutto per l’alta partecipazione dei lavoratori che si è manifestata sia nel corso delle oltre 30 Assemblee tenute in tutti i siti produttivi e su tutti i turni lavorativi.

Il voto dei lavoratori conferma così il parere favorevole espresso dalle Rsu del gruppo nei giorni precedenti le assemblee. Il gruppo opera nel settore della microelettronica e occupa circa 10.000 lavoratori tra le sedi di Agrate, Castelletto, Catania, Palermo, Napoli, Aosta e Lecce. L’ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto integrativo del gruppo Stm era stata raggiunta il 18 settembre presso l’Associazione Industriali a Monza dopo una trattativa che si è protratta per diversi mesi.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.